Gazzetta dello Sport: “Catania-Avellino Fu Combinata”

Il presidente del Catania Calcio, Antonino Pulvirenti, ha confessato agli inquirenti di aver comprato 5 partite nello scorso campionato di Serie B per permettere alla sua squadra di conquistare la salvezza. Tra queste gare non figura quella giocata contro l’Avellino allo stadio Massimino nella 33esima giornata. Nonostante questo, per il pm che indaga sulla vicenda, Catania-Avellino potrebbe essere stata comunque combinata. A scriverlo è la  Gazzetta dello Sport che ha spiegato che ci saranno ulteriori indagini su quella partita che terminò 1 a 0 in favore dei siciliani.

Nei prossimi giorni ci saranno nuovi interrogatori per capire alcune telefonate (intercettate) tra Lotito,  Pulvirenti e l’a.d. Pablo Cosentino, prima e dopo il match. Si cercherà di capire la posizione del presidente della Lazio al quale viene dato un”merito” pure da Cosentino in un’altra telefonata ascoltata dagli inquirenti.

Durante l’interrogatorio avvenuto davanti al gip, Pulvirenti avrebbe detto su Lotito: “Prima mi ha consigliato una maga vicino a Catania, ma non ha funzionato. Poi un’altra, molto brava e laureata, e in effetti dopo abbiamo vinto con l’Avellino“. In pratica, secondo Pulvirenti, in quelle telefonate il presidente Lotito gli avrebbe solamente suggerito di rivolgersi a una chiromante pur di tornare a vincere e conquistare la salvezza. Nelle prossime ore si dovrà per forze di cose fare chiarezza sul contenuti di quelle telefonate per capire se Catania-Avellino è stata davvero combinata per favorire i siciliani e, cosa altrettanto importante, capire quale sia stato il ruolo di Claudio Lotito in questa vicenda.

Nonostante le indagini in corso, come precisa anche “La Gazzetta dello Sport”, lo stesso Lotito non appare nel registro degli indagati.

Leggi anche