Giudice Sportivo 30ª Giornata Serie B 2014-15: Ammenda per l’Avellino

L’Avellino se la cava. Sono state rese pubbliche le decisioni del Giudice Sportivo in merito alla 30ª giornata del campionato di Serie B 2014-2015. Soltanto un’ammenda per i lupi, con la società biancoverde che dovrà versare 1.000 euro di multa “per avere suoi sostenitori, al 23° del primo tempo, lanciato un petardo nel recinto di giuoco; sanzione attenuta ex art. 14 in relazione all’art. 13 lettere a) e b) CGS, per avere la Società concretamente operato con le Forze dell’Ordine a fini preventivi e di vigilanza”.

Maggiore la multa inflitta alla società di Gianluca Paparesta: “Ammenda di € 5.000,00 : alla Soc. BARI per avere suoi sostenitori, nel corso della gara, lanciato numerosi petardi nel recinto di giuoco; sanzione attenuta ex art. 14 in relazione all’art. 13 lettere a) e b) CGS, per avere la Società concretamente operato con le Forze dell’Ordine a fini preventivi e di vigilanza”.

In merito al match Avellino-Bari, questa è la decisione della giustizia sportiva:

“Il Giudice Sportivo,
letta la relazione dei collaboratori della Procura federale;
rilevato che viene segnalata una dichiarazione del presidente del società Bari Gianluca
Paparesta che lamentava il fatto di essere stato oggetto di insulti, bersaglio di sputi e lancio di
oggetti da parte dei sostenitori della squadra irpina, considerato che il presidente della società
Avellino Walter Taccone ammetteva in parte l’accaduto limitatamente agli insulti; visto, inoltre,
che dallo stesso referto emergeva il fatto che negli spogliatoi e negli spazi adiacenti di entrambe
le società vi era un numero elevato di persone tale da impedirne l’identificazione al fine di
valutare l’eventuale indebita presenza; considerata la necessità di acquisire eventuali ulteriori
elementi di riscontro;
visti gli artt. 14, n. 1 e 35 n.1.1,
dispone
la trasmissione di atti al Procuratore Federale per gli opportuni accertamenti”.

TUTTO SU AVELLINO-BARI