M.Taccone: “Gubitosa? Uno sfogo, basta polemiche per il bene dell’Avellino”

A Radio Punto Nuovo ha parlato oggi Massimiliano Taccone, amministratore delegato dell‘Avellino. Il dirigente biancoverde si è soffermato soprattutto sul calciomercato e sulle parole di ieri di Gubitosa, che sempre a Radio Punto Nuovo, aveva affermato di stare pensando di lasciare il calcio. Ecco la sua intervista.

Si parte dal voto sul calciomercato. “Lo può dare soltanto il campo, potevamo fare qualcosa in più, ma come in tutte le cose della vita, bisogna avere sempre l’obiettivo di migliorarsi. Siamo comunque convinti di aver fatto un discreto lavoro”.

Inevitabile la domanda sui tanti rifiuti ricevuti, in ultimo quello di Daprelà che poi ha fatto dirottare la società su Solerio: “Non sempre i rifiuti sono legati al discorso economico, ma a tante altre cose che ci sono dietro. Li accettiamo, consapevoli che chi è venuto non è da meno rispetto agli altri che abbiamo cercato”.

Su Solerio: “Era un obiettivo per la prossima estate, quando abbiamo capito che c’erano difficoltà per arrivare ad altre piste, siamo andati su di lui. Novellino inizialmente non lo conosceva, poi gli abbiamo riferito dei dati del ragazzo e ha dato l’ok. Non avremmo preso nessuno senza il suo consenso”.

Sulle parole di Gubitosa di ieri: “Ha affrontato per la prima volta gli ultimi giorni di mercato, lui non era abituato, ma oggi l’ho sentito ed era molto più sereno. Quest’anno poi abbiamo avuto molti momento di stress, da Trotta, alla possibile penalizzazione per il calcioscommesse, l’esonero di Toscano, ero uno sfogo ma siamo umani, ci può stare”.

Aggiunge: “Abbiamo commesso degli errori, non si tratta solo di gestire un’azienda, noi siamo responsabili per una intera città e un’intera provincia, tutto ciò alimenta lo stress”. Quindi un invito alla tifoseria e a tutto l’ambiente: “Adesso però dobbiamo guardare avanti e finirla con le polemiche, ci possiamo togliere tante soddisfazioni e siamo certi di poter centrare la salvezza. Con l’apporto del pubblico che non è mai mancato, ce la faremo sicuramente”.

Sul Calcioscommesse e la possibile penalizzazione: Non sono sereno, ma serenissimo, so la mia situazione, quella di mio padre e dei calciatori, anche perché leggendo le carte c’è ben poco. Chiusura su Novellino: “Ha una grande esperienza, siamo contenti di lui, ci sarà tempo per discutere sul futuro”.