Inchiesta Calcioscommesse: coinvolta anche la Serie B?

Emergono nuovi scenari dalle parole del Procuratore della Repubblica di Catanzaro, Vincenzo Antonio Lombardo, in merito all’inchiesta sul calcioscommesse che sta facendo tremare il mondo della Lega Pro e della Serie D. Secondo il Procuratore, infatti, l’associazione con riferimenti provenienti dall’Est Europa, per la maggior parte in Serbia, avrebbe tentato di coinvolgere anche giocatori che militano in Serie B: “L’organizzazione collegata con l’estero tramava per estendere le combine delle partite anche a divisioni più importanti, come la Serie B. Purtroppo non abbiamo elementi a sufficienza per provare se questi tentativi siano andati a buon fine oppure no”.

“Nelle partite del campionato cadetto – ha proseguito Lombardo nella conferenza stampa di questa mattina – saliva il prezzo: non più 50 o 60 mila euro ma almeno 100-150 mila”. L’operazione, ha aggiunto il questore di Catanzaro Giuseppe Racca: “Dimostra che l’attività delinquenziale legata al settore è sempre attiva e fiorente non solo in Italia”.

Leggi anche: