Latina-Avellino, per il ciociaro Davide Zappacosta è un derby

Giovane, veloce, tecnico, con un ottimo piede, dribbling, abile nell’uno contro uno, queste sono le caratteristiche di uno degli idoli della piazza avellinese, Davide Zappacosta. Il giovane classe ’92 è sta diventando sempre più fondamentale nel 3-5-2 di mister Rastelli, che sembra avergli trovato finalmente il ruolo giusto dopo che il giovane ha ricoperto sia il ruolo di terzino che di esterno alto a destra.

Zappacosta sta avendo un ottimo seguito anche su Facebook, con molti tifosi che gli hanno addirittura dato il soprannome di Cafu, paragonandolo al terzino brasiliano campione del mondo. Un’esagerazione, certo, ma l’esterno biancoverde ha comunque grandi qualità e potrebbe un giorno calcare i campi della Serie A.

Nedved

Il calciatore oggi ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni de Il Mattino, sul suo idolo d’infanzia:

“Sono onorato del soprannome Cafu, anche se il mio idolo è Pavel Nedved: giochiamo in due ruoli diversi ma l’ho sempre ammirato per umiltà, sacrificio messo a disposizione della squadra e talento puro, che ha espresso anche nel momento in cui era sul viale del tramonto”

Intanto Zappacosta pensa già alla prossima partita con il Latina, che per lui che è un ciociaro sarà quasi come un derby: i rapporti tra le due tifoserie del Sud del Lazio infatti sono tutt’altro che idilliaci, visto anche l’episodio accaduto durante l’ultimo derby la scorsa stagione, con il portiere del Frosinone Zappino che ha insultato in modo esplicito i tifosi del Latina.

curva latina calcio

L’esterno biancoverde scenderà in campo sicuramente con il coltello tra i denti, e sicuramente regalerà ai tifosi biancoverdi che giungeranno al Francioni un’altra grande prestazione.

Leggi anche –> Avellino, giocatori su Facebook: boom della fanpage di Zappacosta

Leggi anche –> Avellino: Taccone, Millesi e Fabbro festeggiano un tifoso centenario

Leggi anche –> La favola di Angelo d’Angelo, esordio in B iniziando dalla D con l’Avellino