Aggressione Luca Toni ad Avellino, individuato il responsabile?

La macchina dove viaggiava la dirigenza del Verona (Fonte Avellino Today)

Possibile svolta sull’aggressione all’auto dove viaggiavano Luca Toni e il presidente del Verona Setti. La Digos avrebbe infatti individuato il responsabile, autore del lancio della bottiglia che ha causato la rottura del vetro dell’automobile nei pressi di Via Annarumma, prima dell’incontro con l’Avellino di sabato.

Le forze dell’ordine avrebbero individuato il responsabile con l’ausilio della telecamere di video sorveglianza ma soprattutto grazie alle testimonianze di alcuni presenti. Se tutto fosse confermato, sarebbe in arrivo una denuncia per danneggiamento nei confronti dell’autore del gesto, che poi subirebbe inevitabilmente il Daspo, cioè il divieto di accesso alle manifestazioni sportive.

Una vicenda questa, che è rimbalzata alle cronache di tutta Italia sa subito, a sono seguite tante dichiarazioni sulla vicenda. In primis quella di Luca Toni, che nella ricostruzione della vicenza, ha accusato anche i vigili urbani di Avellino; quindi subito dopo la fine della partita i comunicati di condanna dell’episodio delle due società.

Il giorno seguente, cioè domenica, è arrivata la replica a Toni del comandante dei vigili urbani di Avellino, Michele Arvonio e del sindaco Foti, che si era personalmente scusato per l’accaduto ma aveva assolto i vigili. Quindi nella serata di ieri il comunicato della Curva Sud di Avellino che aveva dato la sua versione dei fatti.

Nella giornata di oggi, prima c’è stato un comunicato ufficiale del Verona, del presidente Setti, che pure ribadendo le accuse, ha ringraziato il presidente dell’Avellino Walter Taccone per la solidarietà dimostrata subito dopo l’incidente.

Per concludere, il leader della Curva Sud Franco Iannuzzi ha rilasciato una intervista spiegando che non c’è stata nessuna aggressione ma solo un gesto isolato (condannato da Iannuzzi), e accusando tra l’altro la stampa e le istituzioni di Avellino di non aver difeso la città e i tifosi avellinesi. A breve, dovrebbe esserci la parola fine a questa brutta vicenda.