Marchizza-Avellino, il Sassuolo vuole obbligo presenze

Ma il calciatore scuola Roma vuole solo l'Avellino

La soap opera Marchizza-Avellino si arricchisce di un nuovo capitolo. Secondo quanto riferito da Sport Channel infatti, la società emiliana si è ormai rassegnata a mandare in prestito il ragazzo in Irpinia (voleva infatti dirottarlo al Cesena), ma vuole un obbligo di presenze, per valorizzare il suo investimento (che è stato di quasi 5 milioni di euro).

Condizione questa che l’Avellino non può garantire, per non svalorizzare gli altri centrali in rosa (Migliorini, Suagher, Kresic e Ngawa). In ogni caso il nodo dovrà essere sciolto, altrimenti l’annuncio potrebbe ancora slittare di qualche giorno, poiché Marchizza, d’accordo con il suo procuratore, vuole solo l’Avellino.

E con Marchizza il calciomercato dell’Avellino a quel punto potrebbe chiudersi. Infatti nonostante Novellino vorrebbe qualche altro acquisto, Taccone ha fatto chiaramente capire in una intervista di ieri, che prima dovranno andare via i calciatori in esubero: Paghera, Soumarè, D’Attilio e se ci fosse l’occasione, anche Camarà.

Sul primo però, le possibilità di partenza non sono altissime: il calciatore è infatti molto stimato da Novellino, che nell’ultima partita gli ha anche affidato la fascia di capitano. Per gli altri tre, che fino ad ora non hanno voluto muoversi da Avellino, la speranza è di riuscire a piazzarli in prestito in qualche club di Serie C.