Millesi e Biancolino: presenze ingombranti o utili rincalzi?

L’Avellino continua a sorprendere grazie ai risultati positivi che sta ottenendo in questo inizio di stagione, ma tra i protagonisti di questo sprint iniziale mancano Francesco Millesi e Raffaele Biancolino. Le due bandiere della squadra irpina non hanno trovato molto spazio fino a questo momento. Il capitano dei biancoverdi ha giocato soltanto 2 partite in questo campionato, nelle prime due giornate contro Novara e Latina, e in entrambi i casi è subentrato dalla panchina nei minuti finali del match. A differenza di Millesi, invece, il “Pitone” è tra i pochi a non aver ancora esordito in questa Serie B, e spesso si è dovuto accontentare di guardare i suoi compagni giocare dalla tribuna.

raffaele-biancolino

Il ruolo di Ciccio Millesi è ormai ben definito: un uomo spogliatoio che grazie alla sua esperienza farà da chioccia ai tanti giovani della rosa biancoverde, definiti “soldati” da lui stesso. Per l’attaccante napoletano, invece, si prospetta una stagione da passare tra panchina e tribuna. Nelle gerarchie offensive di Rastelli, Biancolino è soltanto l’ultimo della lista. Il problema potrebbe nascere nel caso in cui l’ariete faccia pressioni sul mister per raccogliere qualche presenza. Per ora non si corre alcun rischio, con i due giocatori che stanno accettando di buon grado il ruolo che ha riservato loro il mister, ma la loro utilità in campo in questo momento sembra essere davvero poca. Millesi e Biancolino dovranno stare attenti a non minare il clima di serenità e armonia che si respira adesso nello spogliatoio, ed essere pronti quando il mister li chiamerà in causa per scendere in campo.

Leggi anche –> Statistiche Avellino: Izzo e Fabbro inamovibili, sempre fuori Biancolino

Leggi anche –> Avellino Serie B: media punti da sesto posto per i lupi

Leggi anche –> Avellino-Empoli, ritrovo portafortuna a La Mezcla per i tifosi