Money Gate Avellino, Chiacchio: “Non sappiamo richieste della Procura”

L'avvocato fa il punto della situazione sull'inchiesta Money Gate

Sull’inchiesta Money Gate è nuovamente intervenuto l’avvocato Eduardo Chiacchio, in una intervista ad Avellino Tv. Il legale della società biancoverde ha fatto il punto della situazione, quando mancano ancora un paio di settimane ai deferimenti della Procura Federale, non sbilanciandosi più di tanto.

Ecco le sue parole: “La Procura ha concesso un arco di tempo per eventuali richieste di ulteriori audizioni. Possiamo sapere quello che facciamo noi, ma non possiamo sapere le mosse della controparte istituzionale. La Procura è composta da professionisti di livello. I rischi ci sono sempre, ma il rischio è una cosa e la condanna è un’altra”.

Continua: “Non sappiamo quale potrà essere la richiesta della Procura Federale, l’indagine è ancora in corso. La difesa opererà al meglio ed è convinta di poter sostenere tesi che non sono campate in area. Ho affrontato processi più delicati, come quello della passata stagione. Bisogna lottare, come sempre. Sono inorgoglito per gli attestati di stima che provengono dai tifosi e dalla stampa”.

Conclude: “Io farò del mio meglio, senza tralasciare alcun minimo dettaglio, seguendo tutto con attenzione”. Ricordiamo che l‘accusa di illecito sportivo (il reato per cui la Procura sembra propendere) comporta la retrocessione d’ufficio.