Morte Pagliuca, Tesser: “L’Avellino gli dedichi la salvezza”

Ecco le parole dell'ex tecnico dell'Avellino ricordando l'amico, non che collaboratore ai tempi dei lupi

Attilio Tesser, ex allenatore dell’Avellino, attualmente alla Cremonese, ha parlato ai microfoni di Radio Punto Nuovo a pochi giorni dalla gara Avellino-Bari e ricordando Paolo Pagliuca, dove nella giornata di ieri, si sono svolti i funerali.

Ha voluto ricordare così il suo collaboratore, non che amico, quando era sulla panchina dei lupi: “Ho perso veramente un amico. Dopo aver saputo la notizia, ho mandato alla squadra le condoglianze alla squadra. Ora l’Avellino gli dedichi la salvezza“.

Poi ha dichiarato: “Ho collaborato con lui per dieci undici mesi. Ci eravamo sentiti tramite sms a Pasqua l’ultima volta. Se ne andata una persona splendida, un amante della sua terra che amava questa maglia. Siamo sempre rimasti in ottimi rapporti io e lui affinchè gli avevo chiesto se poteva venire con me a Cremona, ma non ha voluto lasciare la sua terra e la sua famiglia“.

Poi ha aggiunto: “Ci ha messo alle condizioni di lavorare nel miglio modo possibile. Una persona di una umanità molto forte che riusciva a trasmette l’amore per la sua vita. Amava fare quel lavoro. Una persona di buon senso che cercava sempre il lato positivo delle cose“.

Sul finale di stagione dei lupi, ha dichiarato: “Prima bisogna fare le loro partite e non guardare gli altri. Penso che l’Avellino ha tutte le caratteristiche per salvarsi. Bisogna vincere per far punti. Il Bari è una delle squadre più forti ma al momento non è tra le prime tre. Walter Novellino saprà sicuramente poter raggiungere questo obiettivo perchè è un gran allenatore. Ovviamente il derby con la Salernitana sarà una gara decisiva. Poi c’è quella contro il Latina al Partenio, ma loro non hanno più nulla da dire in questo campionato“.

Infine, ha parlato del finale di stagione della sua Cremonese, che è ad un passo dalla promozione in Serie B che manca ormai da diverso tempo, il quale, l’Avellino, in caso di salvezza, potrà affrontarla nella prossima stagione: “Con la Cremonese abbiamo fatto una rimonta importante, recuperando terreno dall’Alessandria. Ora dobbiamo ancora battagliare negli ultimi novanta minuti da disputare, contro la Racing Roma, dando il massimo delle nostre forze e conquistare la promozione che manca da molti anni“.