Pagelle Allupate Avellino – Pro Vercelli 1-0: a volo D’Angelo

Non è un miracolo, ma quasi: la visita al Santuario di Mamma Schiavona in settimana ha dato i suoi frutti, almeno dal punto di vista del risultato. Avellino – Pro Vercelli finisce 1-0, con un gol da PlayStation del capitano Angelo D’Angelo. Che nell’ultima settimana ha preso prima la squadra per mano, poi a calci in culo, realizzando 2 reti pesanti come il pranzo della domenica a casa della nonna. Magari domattina Angelo² si sveglia tutto sudato nel letto: però i 3 punti salva-Tesser sono arrivati. Tutto il resto conta poco: noi vogliamo vincere, e leggere le pagelle allupate

PAGELLE ALLUPATE AVELLINO – PRO VERCELLI 1-0

Frattali voto 6: ad ogni rinvio coi piedi, la Curva Sud abbassa le sciarpe e alza i rosari. Gli unici tiri che gli arrivano in porta sono quelli dei cannoni che girano sugli spalti. FALLA GIRARE

Nitriansky voto 5,5: Tesser lo schiera titolare perché l’alternativa sulla fascia sarebbe il magazziniere. Si caratterizza per essere costantemente l’uomo giusto nel posto sbagliato. AAA VENDESI TERZINO

Jidayi

Jidayi voto 6,5: il difensore con le scarpe a 6 tacchetti e l’allacciatura sotto la pianta incute più timore di una braciola a un raduno vegano. Più che marcare, fa nonnismo da caserma sugli attaccanti della Pro Vercelli. SERGENTE HARTMAN

Chiosa voto 6,5: sprizza sicurezza da tutti i pori. O forse ha schiacciato i brufoli a Petricciuolo. TOPEXAN

Nica voto 6: vince il primo contrasto della stagione al 28′ del primo tempo. Al 93′ ferma per la prima volta in carriera un avversario in uno contro uno, e scappa l’applauso anche a un T-Rex. L’unica cosa più ignorante dei suoi cross è il Boss delle Cerimonie. TUTTA LA NOTTE NICA E MIGNOTTE

D’Angelo voto 7 IL MIGLIORE: segna con un destro al volo, di controbalzo, all’incrocio dei pali. Poi dicono che la Madonna di Montevergine non fa le grazie. Vabbè, per le consecutio servirebbe un miracolo… A VOLO D’ANGELO

Mariano Arini Avellino

Arini voto 6,5: occhio stasera se andate a vedere le luci a Salerno: hanno avvistato Arini sul raccordo mentre sorpassava una BMW. Correndo. A piedi. MULTIJET

Gavazzi voto 6: ogni volta che accelera, svernicia un centrocampista della Pro Vercelli. Fugge col furgone del catering non appena gli arriva il conto del carrozziere. FACCIO IL VAGO E NON PAGO (Dal 78′ Bastien s.v.: entra giusto in tempo per cercare di piazzare sottobanco un’acquasantiera trafugata ai monaci Benedettini. USATO GARANTITO)

Insigne voto 5,5: cerca con insistenza la porta, ma la mira è quella del miglior Bocelli. Quando lo ha visto entrare nel Santuario con i risvoltini, pure alla Madonna di Montevergine è scappata la bestemmia. RISVOLTINHO (Dal 55′ Castaldo voto 6,5: solo Jenna Jameson ha un possesso palla migliore del suo. Fa salire la squadra e il nazismo ai difensori avversari. Entra lui e l’Avellino si sblocca. COINCIDENZE? IO NON CREDO)

avellino-santuario-montevergine-2015

Tavano voto 6,5: va vicino al gol almeno in un paio di occasioni. Vicinissimo anche all’over 3,5 chitammuorti quando scheggia la traversa nel primo tempo. Dal nervoso si scheggia pure gli incisivi rosicchiando la bandierina del guardalinee per la rabbia. DON CHUCK CASTORO

Mokulu voto 6: dopo 5 minuti Rapuano gli sventola sotto il naso un cartellino giallo inspiegabile come il vestito della Santanché alla prima della Scala. Il treppiede umano non si scoraggia e pressa anche i fotografi dietro i tabelloni pubblicitari. JAMM’ AMPRESSING (Dal 67′ Zito voto 6: entra in campo sotto l’effetto della terza pinta di Ceres, e al primo pallone toccato rotola sul prato come un fusto di Peroni per la discesa del Mercatone. BIRRA ALLA SPINA NEL FIANCO)

All. Tesser voto 6,5: stavolta non sbaglia le sostituzioni. Anche perché altri uomini in panchina non ne aveva. Bravo e coraggioso a mettere dentro Castaldo nel momento migliore dell’Avellino. Poi gli ha detto culo con il gol di D’Angelo, ma lui crede lo stesso che sia merito suo. Per ora il panettone è ancora sotto l’albero. MAINA GIOIA

Tesser

Arbitro Rapuano voto 5,5: match difficile: servirebbero più cartellini e lui invece ne sventola uno a Mokulu per un inesistente fallo di minchia. Dà l’impressione di non avere mai in mano la partita. Anche perché passa tutto il tempo a ravanarsi nei pantaloncini, mentre guarda i video di soccer mom sullo smartwatch. BRAZZERS

Pro Vercelli voto 5: atteggiamento aggressivo: difendono in 13 dietro la linea della palla (massaggiatore e allenatore in seconda inclusi). Provano a ferire con un trio d’attacco talmente scarso che farebbe la panchina pure al torneo del CI.MA. Sport. GRASSE RISAIE 

TUTTE LE PAGELLE ALLUPATE DELL’AVELLINO 2015/2016

TUTTE LE NOTIZIE SU AVELLINO – PRO VERCELLI