Pagelle Allupate Bari – Avellino 2-1: galletti spietati, lupi spiedati

Noi vorremmo anche provare a riderci su, ma la realtà è che le pagelle allupate di Bari – Avellino sono un’altra rosicata a cuore aperto. Tre trasferte e tre sconfitte: va bene che noi campiamo di legge del Partenio, però ogni tanto trasgredire con qualche punto esterno non ci farebbe mica male, eh. Tesser prova la difesa a cinque e becca due gol, poi finisce con 4 attaccanti in campo e non fa neanche un tiro in porta: Houston, abbiamo un problema. Il campionato è lungo, ma la coperta è corta.

PAGELLE ALLUPATE BARI – AVELLINO 2-1: 12′ pt. Defendi (B), 27′ pt. Insigne (A), 24′ st. De Luca (B)

Frattali voto 6: prendere gol da uno che si chiama Defendi è peggio che essere calvo e fare di cognome Capelli. Forse sull’1-0 sarebbe dovuto uscire alto, e avrebbe dovuto chiamare la palla a Zito. Di sicuro sul 2-1 ha chiamato un paio di madonne. MAI ‘NA GIOIA

Nica voto 6: Tesser lo convoca a sorpresa, mentre il buon Constantin stava preparando lo sbarco al porto di Bari di due container di nazionali senza filtro. In impostazione è efficace come un preservativo in testa per proteggersi dall’uranio impoverito, meglio in fase di copertura: gli anni passati a fare il palo nelle rapine nelle rapine stanno dando i loro frutti. PORCONICANO

Davide Biraschi - Avellino

Biraschi voto 5: un solo errore, ma grave come un bidet nella vasca dei piranha. BIRANSKY

Ligi voto 5,5: regala un assist a Maniero al 93′ che sarebbe da straccio immediato del cartellino. Per il resto il Bari gira alla larga dalla sua piattaforma, ed un motivo c’è. No, non è l’odore. BADEDAS

Chiosa voto 6: fa il suo compitino senza strafare. La maestra gli dice “bravissimo” e lui torna a casa soddisfatto. CHI OSA? LUI NO (Dal 71′ Mokulu voto 5,5: prestazione talmente buia che lo si vede solo quando sorride. CERZA UNA VOLTA)

Giron voto 6,5: ah, ma quindi un terzino decente ce l’avevamo? Spinge costantemente, mette in mezzo l’assist del primo gol e per poco non sbertuccia Guarna con un tiro deviato da fuori. Finisce la benzina dopo un’ora, Tesser per sbaglio gli fa un rabbocco di gasolio e deve sostituirlo per pulire il carburatore.  MOTORINO TRUCCATO (Dal 67′ Visconti voto di castità: quando entra lui, l’Avellino smette di spingere sulla sinistra. facciamocele due domande, magari. VISCOTTO)

Insigne voto 6,5 IL MIGLIORE: il fratello Lorenzo gli presta la polverina magica sciolta nella borraccia prima della partita di ieri sera contro la Juve. D’incanto il brutto anatroccolo si trasforma in Robertinho: gol da rapinatore d’area e scippatore di vecchiette, in più un assist al bacio per Tavano. Che però è etero e non gradisce. Sparisce nella ripresa, con l’incasso del san Nicola. NZIRIATO

Arini voto 6: metronomo di centrocampo. Distribuisce palloni e numeri di telefono di enoteche. Torna negli spogliatoi con la maglia sudata: di Taurasi. BRILLANTEMENTE BRILLO

Zito voto 4,5: il rinvio svirgolato da cui scaturisce l’1-0, è talmente ignorante che il Ministero dell’Istruzione gli ha revocato la licenza media. Nel secondo tempo inizia a boccheggiare dopo 3 minuti: attualmente ha la capacità polmonare di uno Zippo. ZITO AL RAGÙ (Dal 78′ Jidayi s.v. ingresso in campo fondamentale come Beppe Grillo che chiede le dimissioni della Merkel. MOVIMENTO 5 ALL’ORA)

Antonio Zito Conferenza Stampa

Trotta voto 5: lotta spalle alla porta, ma per fare gol dovrebbe iniziare a girarsi dall’altra parte. Quando arriva al tiro è stanco o svogliato. Un paio di settimane da cavia nei laboratori del Gruppo Taccone e scommettiamo che gli torna la voglia. AL PICCOLO TROTTA

Tavano voto 5,5: ci mancano i suoi gol come un cane guida manca ad un ipovedente. Ha voglia di sbloccarsi e ci prova in tutti i modi: forse è il caso di iniziare a provare con lo Svitol. MINION

All. Tesser voto 5: ho visto bipolari con una identità meglio definita di questo Avellino. La squadra lotta, ma ha più problemi di Windows Millennium Edition: troppi giocatori sembrano non avere ancora il ritmo partita nelle gambe. Sapevamo che il calendario era difficile, però prendere sberle in 3 trasferte su 3 è rassicurante come abbracciare i cavi dell’alta tensione. HIGHWAY TO HELL

Arbitro Sacchi voto 6,5: tiene bene in pugno una partita difficile. Evidentemente il bonifico di Paparesta deve essere tornato indietro. DJ SACCHETTO

Bari voto 6: la cosa più bella della partita del Bari è Paparesta che per poco non infila la lingua in bocca alla figlia in tribuna per sbaglio (forse). La verità è che i galletti oggi sono stati spietati. Li avremmo preferiti spiedati. BARI DI NOME E DI FATTO

TUTTE LE NOTIZIE SU BARI – AVELLINO