Pagelle Allupate Brescia-Avellino 1-0: loro rondinelle, noi (s)tordi

pagelle-allupate-girone-ritorno

Il lupo torna nella tana. Brescia-Avellino finisce 1-0 per le rondinelle, che oltre a cagare sulla maglia dei biancoverdi hanno anche un pochino cagato il cazzo. Prestazione fondamentalmente anonima quella dei padroni di casa, ma quando l’Avellino non ci mette quel qualcosa in più che non viene dalle gambe – ma dalle palle – fare risultato diventa più difficile che invitare a cena Emily Ratajkowski a suon di like su Facebook. Le pagelle allupate oggi sanno un po’ di amaro. Vecchio Amaro del Capo, per l’esattezza.

PAGELLE ALLUPATE BRESCIA-AVELLINO 1-0

Frattali voto 5,5: prende un gol con mezzo tiro in porta. La quantità di bestemmie calate gli frutta l’iscrizione ad honorem al mondiale di briscola in Veneto. MANNAGGIA SANTO NIENTE

Pucino voto 5,5: prende questione con Morosini per un carico di figurine taroccate di Yu-Gi-Oh sequestrato dalla finanza. Presidia la fascia con la concentrazione tipica di chi preferirebbe farsi una rettoscopia ogni 3 ore piuttosto che essere in campo oggi. PRESTAZIONE A POSTERIORI

Raffaele Pucino-Avellino

Jidayi voto 6: chi dice che in difesa non è a suo agio, ne capisce di pallone come Giuliano Ferrara di dieta macrobiotica. DIFENDO LA CITTÀ

Biraschi voto 6,5 IL MIGLIORE: Obama gli ha chiesto il curriculum per schierarlo al largo delle costa Atlantica in caso di attacco missilistico. È di un’altra categoria. Di YouPorn. MINISTRO DELLA DIFESA

Chiosa voto 6: più bravo avanti che dietro. La sua ragazza me lo ha confermato poco fa a cena. OPS

Arini voto 6: il Brescia dalle sue parti si fa vedere meno di Salvini all’europarlamento. Embalo gli fa un tunnel con la suola del destro: da domani potrete visitarne il cadavere smembrato all’interno di un pilone del parcheggio del Movieplex. PILASTRO FARCITO

Paghera voto 5,5: sgambetta per il campo come se avesse un Garelli nei pantaloncini, ma gira a vuoto come una funicolare senza corrente. Assieme a Insigne è stato scritturato come hobbit per la nuova trilogia del Signore degli Anelli. PADRON FRODO

Davide Gavazzi Avellino

Gavazzi voto 6: Tesser lo vuole più offensivo e lui passa tutto il primo tempo a insultare arbitro e guardalinee. È l’unico pericoloso dell’Avellino per quasi un’ora, e giustamente l’allenatore lo toglie per non disturbare troppo la difesa del Brescia. AGNELLO SACRIFICALE (Dal 65′ Bastien voto 6: entra in campo e fa ammonire Mazzitelli con la stessa velocità con cui sbucano i vigilini quando dimentichi di mettere il tagliando nelle strisce blu. Non riesce a incidere, se si fa eccezione per la portiera del pullman del Brescia. IN THE GHETTO)

Sbaffo voto 5: posizione da trequartista avanzato, prestazione da trequartini di Aglianico. Passeggia sulla fascia destra, perché è quella più vicina al bar della tribuna. APERIATTIVO (Dal 56′ Insigne voto 6: il suo ingresso potrebbe portare brio alla squadra, se solo sapesse cosa significa. TRECCANI E UN GATTO)

Tavano voto 5,5: in avanti è più latitante di Matteo Messina Denaro. Meglio in ripiegamento difensivo. Il problema è riaprirlo dopo che si è ripiegato. STAR TAC (Dal 56′ Mokulu voto 5: ha tra i piedi il pallone del gol del pari. Lo calcia con la gamba sbagliata. MARONNA CHE T’HA MAGNATO)

João Silva voto 5,5: esordio da titolare e si vede subito che solo Priebke e il portavoce della comunità ebraica hanno meno intesa di lui e Tavano. Cerca la rete per due volte, ma la Wind a Brescia non prende bene. SEGNALE ASSENTE

Attilio Tesser Avellino

All. Tesser voto 5: con 3 cambi nel giro di 9 minuti ammette candidamente di non aver capito un cazzo della partita. O Insigne gli tromba la figlia di nascosto e noi non ne sappiamo nulla, oppure non esiste un motivo valido per cui al momento Lorenzinho debba partire dalla panchina. CONFUSO E INFELICE

Arbitro Candussio voto 6: all’Avellino porta più sfiga lui di un gatto nero che rompe uno specchio passando sotto una scala di venerdì 17. CIORTA

Brescia voto 6: massimo risultato col minimo sforzo. Segnano un gol che neanche col flipper alla sala giochi da Federico. Le rondinelle volano basso, ma noi siamo stati proprio (s)tordi. SANCULOTTI

LEGGI TUTTE LE PAGELLE ALLUPATE DELL’AVELLINO 2015/2016

TUTTE LE NOTIZIE SU BRESCIA-AVELLINO