Pagelle Pescara-Avellino 3-2: Mokulu ultimo ad arrendersi

Le pagelle di Pescara-Avellino, sfida terminata con il punteggio di 3-2 in favore dei padroni di casa. Nel primo tempo è un rigore di Memushaj a portare in vantaggio il Pescara. Nella ripresa succede di tutto. Prima il raddoppio di Verre, poi l’Avellino accorcia con Zito. Caprari sancisce la chiusura del match con un eurogol, ma Mokulu riaccende le speranze dei lupi. La partita però si trascina fino al novantesimo.

PAGELLE PESCARA-AVELLINO

FRATTALI 6: Tre gol subiti, nessuna colpa. Salva il risultato in due occasioni, prima con una bella uscita su Benali, poi con un grande intervento di piedi su Lapadula nella ripresa;

NICA 5,5: Bene in fase di spinta, mette qualche cross buono al centro. Sul secondo gol del Pescara Verre lo ubriaca con un paio di finte;

BIRASCHI: s.v.

CHIOSA 5: Causa il rigore del vantaggio del Pescara con un fallo di mano evitabile, nell’occasione del terzo gol lascia troppo spazio a Caprari per tirare;

VISCONTI 5,5: Agisce prima da terzino sinistro poi da centrale con l’uscita dal campo di Biraschi. Si destreggia bene in un ruolo che non ricopriva da tempo, ma è complice anche lui della brutta giornata difensiva biancoverde;

JIDAYI 6: Buono il suo lavoro in mezzo al campo, sempre a recuperare palloni e far ripartire l’azione;

ARINI 5,5: Ha sulla coscienza il secondo gol del Pescara, avendo perso un brutto pallone in disimpegno sulla trequarti. Per il resto solita partita di sacrificio;

GAVAZZI 5,5: Spesso incespica in troppi dribbling a centrocampo, soffre la velocità di Verre e Mandragora e combina poco lì in mezzo;

BASTIEN 5: Invisibile. Tocca pochissimi palloni e non entra mai in partita. La condizione fisica non era delle migliori, ma oggi era impalpabile;

MOKULU 6,5: Un po’ nervoso, ma è l’ultimo ad arrendersi. Controlla palla e fa a sportellate con i difensori avversari, trova il gol del 3-2 trovandosi al posto giusto nel momento giusto;

TROTTA 6: È lui a propiziare il gol di Zito trattenendo la palla in area di rigore con tre difensori addosso. Per il resto una partita con pochi sussulti,

GIRON (dal 22′) 5,5: Poco preciso nei passaggi corti, spinge poco sulla fascia e spesso lascia ampi spazi agli avversari in difesa;

INSIGNE (dal 52′) 6: Riesce a dare piu’ imprevedibilità alla manovra biancoverde;

ZITO ( dal 62′) 6,5: Entra in campo e al primo pallone toccato la butta dentro. Un’iniezione di fiducia per la squadra;

TUTTO SU PESCARA-AVELLINO

Leggi anche: