Un avellinese in Serie A: Paolo Vecchia all’Hellas Verona

Quando nella vita coltivi un sogno, con impegno, serietà e passione, spesso accade che questo si realizzi. Anche se il sogno si chiama serie A. E non serve la raccomandazione dell’amico di famiglia o del politico di turno, perché altrove, a centinaia di chilometri da Avellino, funziona diversamente. Premiano il merito, le competenze, la professionalità, non le parentele o le amicizie importanti.

La storia di Paolo Vecchia, giovane dirigente avellinese per cui si sono spalancate le porte della serie A, può essere riassunta sinteticamente così. Da qualche giorno è un nuovo dipendente dell’Hellas Verona, dove svolgerà il ruolo di collaboratore del settore giovanile, seguendo tutte le formazioni del vivaio scaligero, dagli Allievi alla Primavera.

paolo vecchia sud tirol

Una notizia (esclusiva Avellino-Calcio.it) che riempie il cuore di gioia: se un talentuoso professionista della nostra provincia, costretto come tante altre migliaia di giovani a lasciare la propria terra, raggiunge traguardi così prestigiosi (per altro con le proprie forze), non può che far piacere.

Una chiamata importante, da parte di un glorioso club italiano, che rappresenta senza dubbio il giusto riconoscimento per il lavoro svolto in questi anni da Paolo Vecchia. Prima ad Avellino, nella sua città, dove ha collaborato per diversi anni con il settore giovanile, sia nell’era “pre” che “post” fallimento dell’Us Avellino. Uno dei pochi, insomma, ad aver avuto modo di lavorare sia con Pugliese che con Taccone. Uno dei pochi fortunati, inoltre, ad aver avuto la possibilità di lavorare fianco a fianco con il mitico Nando Del Gaudio, negli anni precedenti la sua scomparsa. Per due stagioni ha collaborato fianco a fianco anche con Enzo De Vito, attuale direttore sportivo dei Lupi.

paolo vecchia

Da un anno si era trasferito nella lontana Bolzano, iniziando a collaborare con la società del Sud Tirol (Lega Pro), fortemente voluto dal direttore sportivo Piazzi, conosciuto durante il corso di Coverciano. Un’esperienza fondamentale per la sua crescita, ad oltre mille chilometri da casa, che gli ha consentito di farsi conoscere ed apprezzare anche in un realtà distante anni luce da quella irpina, per cultura, pressioni e percezione del calcio. Lavorare a testa bassa, per altro in un ambiente più tedesco che italiano, e svolgere il proprio ruolo con dedizione e serietà, senza pensare a farsi pubblicità su giornali, siti web e in tv, sono attività che spesso vengono premiate.

Francesco Barresi, che per la seconda stagione consecutiva ricoprirà l’incarico di assistente alla direzione generale dell’Hellas Verona (dopo le esperienze con Reggina e Napoli e raggiunto quest’anno anche da Riccardo Bigon), l’ha voluto a tutti i costi con sé in questa nuova avventura nella città di Giulietta e Romeo. Ed il buon Paolo, dopo aver ringraziato i datori di lavoro (ed amici) del Sud Tirol, ha accettato di corsa la proposta dell’amico Barresi, con cui da anni è legato da un rapporto stima e fiducia (reciproche).

A Paolo Vecchia vanno i nostri complimenti ed i migliori auguri dallo staff di Avellino-Calcio.it per un futuro radioso ed una carriera vincente. Te lo meriti, Paolo. Anche Nando Del Gaudio sarebbe fiero di te.

LEGGI ANCHE -> Il dirigente avellinese Paolo Vecchia al Sud Tirol
LEGGI ANCHE -> Enzo De Vito a Milano con Paolo Vecchia, dirigente del futuro