Penalizzazione Avellino, chiesti 7 Punti

Sette punti di penalizzazione per l‘Avellino. Questa la richiesta dell’accusa nel processo calcioscommesse che si sta svolgendo a Roma. Per la società biancoverde anche 140.000 euro di ammenda. Per Walter Taccone l’accusa ha invece chiesto 9 mesi di inibizione e 45 mila euro di ammenda.

Queste le dichiarazioni di Enzo Massaro, avvocato di Taccone:  “Millesi non viene allontanato dalla squadra perché Taccone sapeva della combine, ma perché a fine contratto lascia l’Avellino a giugno. Conoscendo Taccone, se lo avesse saputo lo avrebbe denunciato. Va prosciolto perché Luca Pini ha detto solo una serie di falsità e non ha alcun credito. Inoltre l’Avellino perse con il Modena e quindi chiedo che la pena venga ridotta al minimo”.

L’avvocato dell’Avellino, Eduardo Chiacchio, ha giudicato la richiesta inammisibile. Ricordiamo che in precedenza l’accusa ha chiesto 6 anni per Millesi ed Izzo, tre anni per Maurizio Peccarisi, accusato solo per Modena-Avellino, e sei mesi di squalifica per Arini, Biancolino e Castaldo, accusati di omessa denuncia.  A breve seguiranno aggiornamenti.