Perugia-Avellino, Marcolin: “Pisano convocato, Frattali no”

Domani, alle ore 15.00, si disputerà Perugia-Avellino e, conclusa la seduta mattutina d’allenamento, il tecnico dei lupi, Dario Marcolin, è intervenuto in conferenza stampa. Nella sfida del Curi mancherà Frattali, mentre verrà convocato Pisano ad annunciarlo è proprio Marcolin che parla anche delle condizioni Gavazzi e Jidayi: “Pisano sarà convocato, Frattali no per un fastidio all’anca. Abbiamo tre partite in otto giorni e non vogliamo rischiare. Gavazzi e Jidayj? Se dovessi parlare dei tempi di recupero direi che Gavazzi sarà in gruppo tra circa 12 giorni, Jidayi 8”.

Secondo il tecnico degli irpini, in Perugia-Avellino i lupi dovranno ripartire dalla prestazione offerta al Partenio-Lombardi contro il Pescara sebbene il risultato non abbia affatto premiato la formazione biancoverde: “Contro il Pescara la squadra ha creato e ha avuto diverse occasioni, occorre ripartire da lì. Quell’Avellino è piaciuto e credo che quella sia la strada che dobbiamo percorrere”. 

Chiaro il pensiero di Marcolin. Perugia-Avellino sarà una partita importante perché, dopo le sconfitte contro Latina e Pescara, i lupi dovranno scendere al Curi per vincere o quanto meno far punti, sebbene non sarà semplice: “Quella di domani sarà una partita difficile, ma è alla nostra portata. Noi, come il Perugia, possediamo un organico forte: loro hanno maggiore qualità in avanti, noi abbiamo fatto un passo in avanti sotto il profilo della condizione fisica”.

Quasi certamente Marcolin, in occasione della sfida contro il Perugia, non effettuerà un cambio di modulo, come vociferato negli ultimi giorni, ma proseguirà con il 4-3-1-2: “Scelgo il modulo in base a ciò che i giocatori dimostrano sul campo. Finora abbiamo giocato con il 4-3-1-2 e credo sia questa la strada da percorrere”. Sono attualmente in ballottaggio Sbaffo e Bastien con il secondo che pare essere favorito: “Bastien sta meglio fisicamente rispetto a Sbaffo che dovrebbe durare tutti i novanta minuti”. Marcolin è intenzionato a confermare la formazione scesa in campo nella scorsa giornata perché: “In questo momento voglio cambiare meno possibile e tenermi delle importanti alternative in panchina. Joao Pedro è un attaccante forte che tengo in considerazione e Castaldo e Mokulu nell’ultima sfida hanno fatto bene”.

Soddisfatto quindi del proprio attacco, un po’ meno della difesa che va migliorata: “Abbiamo subito troppi gol nelle ultime partite e dobbiamo per forza migliorare. Potremmo giocare con un blocco a cinque in difesa, ma – conclude Marcolin – contro il Pescara anche a 4 abbiamo giocato una buona partita, al di là degli errori”.

TUTTE LE NOTIZIE SU PERUGIA-AVELLINO