Play off Serie B, l’Avellino si qualifica se…

Ancora 90 minuti e calerà il sipario sulla stagione ‘regolare’ della Serie B Eurobet: vediamo quali sono le condizioni che porterebbero ai play-off promozione l’Avellino di Rastelli, reduce dalla vittoria interna con la Reggina che ne ha rilanciato le ambizioni, seppur ridotte, in chiave promozione.

Un obiettivo, quello play-off, che in realtà è sempre stato a portata di mano di capitan D’Angelo e soci, fatta eccezione per l’ultimo periodo in cui un fisiologico calo ha influito e non poco sul rendimento dei lupi, che però restano in corsa per l’ottima prima parte di stagione.

Calciatori Avellino in cerchio

Partiamo dal regolamento: le prime due squadre classificate (il Palermo – già in Serie A – ed una tra Empoli e Latina) otterranno la promozione diretta, mentre i play-off interesseranno quest’anno per la prima volta sei squadre. Questo grazie alla modifica del regolamento eseguita nella scorsa estate, in cui si stabilì che se tra terza ed ottava classificata ci fosse stato un divario non superiore ai 14 punti (e così sarà) ai play-off avrebbero avuto accesso anche sesta e settima classificata.

Ma quali sono le combinazioni che porterebbero l’Avellino ai play-off? I lupi sono decimi, a quota 59 punti, staccati di due punti da Siena e Spezia, rispettivamente settima e ottava, e da un punto dal sorprendente Bari. Esiste la possibilità di approdare ai play-off per i lupi, a patto che si verificano determinate situazioni sugli altri campi interessati. Condizione imprescindibile è che l’Avellino vinca sul campo del retrocesso Padova; detto questo devono poi verificarsi almeno tre eventi nelle cinque partite che interessano squadre in lotta per un posto nei play-off.

Massimo Rastelli Allenatore

Più precisamente devono verificarsi almeno tre eventi tra questi che stiamo per elencare, e cioè:

A – Il Crotone deve perdere a Palermo

B – Il Siena deve perdere a Varese

C – Lo Spezia non deve vincere a Latina

D – Il Bari non deve vincere in casa con Novara

E – Il Lanciano non deve vincere in casa con Cittadella

Insomma, sicuramente non è la cosa più facile del mondo, ma sperare in un posto in Paradiso, a novanta minuti dalla fine, si può… anzi, si deve: perché, non dimentichiamolo mai, non più tardi di qualche anno fa si era nell’Inferno chiamato Serie D…

Leggi anche -> Avellino a Padova, comunque vada sarà un successo