Play Off Serie B: si cambia, anche 7° e 8° posto possono valere la A

Con la ratifica da parte del presidente federale Giancarlo Abete, e dei due vicepresidente Demetrio Albertini e Carlo Tavecchio, la Lega Serie B ha ottenuto il via libera per un nuovo sviluppo dei play off, già dalla stagione 2013/14, finalizzato a dare maggiore centralità e premialità alla classifica finale del Campionato ed eliminare il più possibile le cosiddette partite inutili ai fini della graduatoria. La proposta di modifica era stata inviata nella giornata di ieri al presidente federale dopo la delibera votata all’unanimità dall’Assemblea della Lega Serie B.

serie b

I  play-off non si disputeranno più necessariamente tra quattro squadre (sempre a condizione che il distacco tra la 3a e la 4a classificata non superi i 9 punti), ma da un numero variabile di formazioni che va da due a sei. Questo significa che anche l’8a in classifica potrebbe giocarsi le sue carte per essere promossa in serie A. In pratica parteciperanno ai play-off sicuramente la 3a e la 4a in classifica, a cui potranno eventualmente aggiungersi la 5a, 6a, 7a e 8a a condizione che il loro distacco dalla 3a non sia superiore ai 14 punti (il cosiddetto “perimetro play-off”). In definitiva i play-off potrebbero essere a 2, 3, 4, 5 oppure 6 squadre. La truppa di mister Rastelli deve pensare innanzitutto alla salvezza, ma chissà se verso primavera un pensierino a quell’ottavo posto non sarebbe poi così improponibile, siamo pur sempre l’Avellino.

Leggi anche –> Calaiò all’Avellino: nessuna conferma, sull’attaccante c’è il Chievo

Leggi anche –> Avellino Calcio, allenamento sul terreno di gioco di Antonio Sibilia

Leggi anche –> Calciomercato Avellino: un’altra squadra interessata a De Angelis