A Lanciano prima sconfitta stagionale per l’Avellino, Amenta castiga i lupi

L’Avellino rimedia la prima sconfitta stagione in quel di Lanciano. La prova dei lupi non è stata all’altezza delle prime tre gare di campionato. Un gioco a tratti poco incisivo e un Zappacosta non al meglio hanno inciso non poco sulle sorti della gara. Il Lanciano ha saputo sfruttare un’ingenuità della difesa irpina che ha lasciato troppo spazio sul calcio d’angolo che ha permesso ad Amenta di infilare Terracciano. Lo si sapeva che sarebbe stata una gara non facile, l’impegno e la grinta messi in campo non sono bastati per evitare la sconfitta. Il migliore in campo dei lupi è stato il portiere Terracciano che ha evitato un passivo maggiore, male invece Soncin che non è ancora al top della condizione.

Post Lanciano

Le note positive arrivano dalla reazione del secondo tempo che ha visto la squadra di mister Rastelli provare a fare la partita e segnare il gol del pareggio. Forse quel famoso attaccante di cui tanto si parlava poteva oggi essere preziosissimo per fare qualcosa in più. L’impegno di Castaldo è a tratti commovente ma da solo non può fare miracoli. Nota positiva l’esordio in Serie B di Massimo che ha saputo sostituire al meglio l’infortunato Romulo Togni. Per il giovane centrocampista irpino c’è ancora molto da migliorare ma la personalità non manca. Ora si riparte dal Partenio-Lombardi, sabato prossimo alle 15 arriva la corazzata Varese. Rastelli e i suoi sono chiamati ad una grande prova. Se da un lato c’è stata la sconfitta in campo, dall’altra una grande vittoria sugli spalti dello stadio “Biondi” con centinaia di tifosi biancoverdi che hanno sostenuto la squadra dall’inizio alla fine: Encomiabili.