Primavera Avellino, c’è il cugino di Mimmo Criscito in squadra

Nel settore giovanile dell’Avellino, più precisamente nella squadra Primavera, c’è un parente d’arte: parliamo di Vincenzo Criscito, cugino di Mimmo, difensore dello Zenit di Spalletti e in passato anche con le maglie di Genoa, Juventus e Nazionale Italiana. Vincenzo, classe 1995, originario di Volla come suo cugino, ricopre anche lo stesso ruolo di Mimmo: nella Primavera biancoverde, infatti, gioca come terzino sinistro.

In un’intervista, il giovane Criscito ha rilasciato alcune dichiarazioni sulla sua carriera appena sbocciata, parlando anche delle sue caratteristiche tecniche e  caratteriali, arrivando poi a parlare del rapporto con Mimmo Criscito e delle sue aspettative e speranze per il futuro. Sulla sua posizione in campo, Criscito jr ha le idee chiare, ma dimostra comunque di sapersi mettere al servizio della squadra: Il mio ruolo naturale è stato sempre il terzino. Qualche volta però mi sono adattato anche centrale (proprio come suo cugino, nda) e ho fatto anche l’esterno sinistro per un po’ di tempo nel 3-5-2″.  Acquistato dall’Avellino a 14 anni, dopo aver iniziato nella scuola calcio Gs Città di Volla, il giovane terzino ha fatto tutta la trafila nel vivaio biancoverde: prima gli Allievi regionali, poi gli Allievi nazionali, successivamente la Berretti e infine, da quest’anno, la chiamata in Primavera con mister Luperto. Nonostante le ambizioni personali siano notevoli, Criscito vola basso a livello di obiettivi di squadra: “Sicuramente non siamo una squadra che può vincere il campionato, ma il nostro obiettivo è quello di migliorare giorno dopo giorno per poi raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati ad inizio stagione”.

Criscito Avellino

La domanda sul rapporto col cugino Domenico è praticamente scontata e Vincenzo risponde: Ci sentiamo poco. La distanza non ci permette di comunicare come facevamo prima, però mi ha sempre detto di impegnarmi prima a scuola e poi dedicare il tempo libero al calcio”. A chi gli chiede di parlare di se stesso, Criscito jr risponde con un pò di timidezza ma conscio delle proprie qualità: “Sono sempre stato uno che non si arrende mai anche nei momenti più difficili, sono uno che fa tanti sacrifici. Sono un po’ emotivo, e sono sempre disponibile con tutti”.

Appassionato di musica napoletana e molto attento alla cura dei suoi capelli, Vincenzo Criscito sa bene che la strada per il professionismo è lunga e tortuosa, che ci saranno molti ostacoli da superare per raggiungere i livelli del cugino Mimmo. Vincenzo però, nella sua carriera, ha dei punti fermi: la famiglia e mister Luperto, che opportunamente ringrazia. Queste le parole del terzino sui suoi familiari: Ringrazio la mia famiglia, che da quando ho iniziato a giocare a calcio fanno, insieme a me, tanti sacrifici per farmi coronare il mio sogno. Grazie a loro riesco a superare tutto”. Parole al miele anche per il suo coach: “Ho un buon rapporto con lui. Mi aiuta sempre a migliorare, mi dici di fare le cose semplici e dare il massimo sia in allenamento che in partita. Cura molto bene la fase difensiva con tutto il reparto arretrato. Lavora tanto”.

Vincenzo Criscito sogna, ma lo fa coi piedi per terra. Ad Avellino, intanto, già molti parlano bene di lui e gli hanno profetizzato un futuro da grande. Come detto prima, la strada è lunga e complicata ma Vincenzo ha la testa sulle spalle e tutte le qualità nei piedi per poter ambire a ripercorrere la carriera di suo cugino Mimmo.

Leggi anche–> Avellino e i giovani: Zappacosta, Bittante e Izzo

Leggi anche–> Armando Izzo, da Scampia alla Serie B

Leggi anche–> Izzo e Bittante nella B Italia

Leggi anche–> Di Biagio richiama Zappacosta in U21