Reyer Venezia – Sidigas Avellino 78-66, Pagelle: Randolph un fantasma

Una Scandone volenterosa , ma con poca energia perde al Taliecio, ora serve un miracolo sportivo.

Per colpa di un secondo quarto da incubo (23 a 6 il parziale in favore degli orogranata) la Sidigas Scandone Avellino esce sconfitta dal Taliercio col punteggio di 78 a 66, al netto di qualche favoritismo arbitrale la vittoria della Reyer è stata meritata, un’Umana parsa certamente non più forte della Scandone, ma sicuramente con molta più energia. Ora i lupi sono chiamati al miracolo sportivo.

Ecco le nostre valutazioni a cestisti in canotta biancoverde.

Joe Ragland 6.5: Brilla meno del solito, ma da comunque un buon contributo, che però non basta ad espugnare il Taliercio.

David Logan 6: Si accende ad intermittenza. Non gioca male, ma da lui ci si aspettava di più.

Adonis Thomas 7: Il suo atteggiamento e la sua volontà ci sono piaciuti. Non ha colpe per questa sconfitta.

Maarten Leunen 5: Il fuoriclasse di Vancouver questa volta non riesce ad incidere, anche a causa del caldo.

Kyrylo Fesenko 6+: Soffre ma lotta, facendo quel che può.

Marques Green 7: Tenta di prendersi la squadra per mano, ma è poco seguito.

Levi Randolph 3: Pensa di essere all’Opera, imitandone il Fantasma.

Giovanni Severini 6: Minuti di volontà.

Andrea Zerini 7.5: Gioca un ottima parita, sia in difesa che in attacco, ma viene inspiegabilmente tolto dal parquet, per rimettere un Leunen in sofferenza.

Marco Cusin 5: Non incide.