Scandone Avellino in trattativa per De Nicolao

La squadra irpina di Stefano Sacripanti prova a chiudere la trattativa per il giocatore, in uscita dalla Grissin Bon Reggio Emilia

Sarà una settimana importante in casa Scandone Avellino, dove è in corso trattativa per l’acquisto di Andrea De Nicolao, play in uscita da Reggio Emilia. Infatti il ds Nicola Alberani è al lavoro per cominciare a mettere insieme i pezzi del puzzle che l’anno prossimo andranno a comporre il roster della Sidigas.

Ed è proprio in seguito a queste valutazioni, che la società ha rotto gli indugi ed ha cominciato l’opera di persuasione ai danni dell’entourage di Andrea De Nicolao. Il giocatore veneto è seguito da tante squadre (Cantù e Trento in primis) ma sembra che l’appeal nazionale ed, oramai, internazionale che la Scandone ha conquistato nelle ultime due annate, stia prevalendo sulla volontà del giocatore, ben disposto a preferire Avellino rispetto ad altri lidi.

Come già ampiamente preannunciato da noi in alcuni articoli della scorsa settimana, l’obiettivo preminente della proprietà è colmare la lacuna di giocatori italiani di livello, acquisendone due/tre che possano dar manforte ad un roster che lo scorso anno, fatta eccezione per Zerini (che verrà riconfermato), ha visto ricevere scarso aiuto dai cestisti made in Italy.

La trattativa procede a vele spiegate ed è plausibile che possa arrivare a compimento nel giro di pochi giorni. Nel caso in cui la trattativa, per un motivo o per un altro, si arenasse, la Sidigas ha già pronta l’alternativa che corrisponde al nome di Matteo Fantinelli, giovane talento in forza alla Delonghi Treviso, di cui si parla benissimo. Da queste trattative si evince come la Sidigas voglia come play di riserva (poichè si spera che il titolare sarà Joe Ragland, il quale vuole restare ad Avellino sebbene la trattativa sia economicamente complessa) un giocatore italiano in grado di garantire un apporto importante uscendo dalla panchina.

Il probabile approdo di De Nicolao sarebbe il preludio ad una decisione dolorosa quanto inevitabile: la rinuncia a Marques Green. Il play di Philadelphia, sebbene abbia un amore viscerale per questa maglia e questa città ed è un collante importante nello spogliatoio, non dovrebbe far parte del roster della prossima stagione. Anche se le valutazioni del caso verranno fatte solo successivamente.

Quel che è certo, è che la proprietà ha come priorità, e desiderio, quella di alternare nel ruolo di playmaker la coppia formata da Ragland e De Nicolao. Si parte dalla cabina di regia. Il roster verrà plasmato attorno alla coppia di play, come è scontato che sia. Questa settimana ci porterà in dote qualche certezza in più al riguardo.

Successivamente, prima di andare sul mercato europeo ed extraeuropeo, si penserà a completare il parco italiani, rinnovando prima il contratto di Zerini (e quello di Sasà Parlato…) e poi facendo un pensierino su Pietro Aradori, vero e proprio sogno nel cassetto di Alberani e Sacripanti.