Sconfitta Avellino e doppietta di Evacuo: l’ex non perdona

Black out totale per l’Avellino nella sfida al “Piola” di Novara, dove i lupi si trovano a fronteggiare la seconda sconfitta consecutiva di questo girone di ritorno, resa ancora più amara dalla doppietta dell’ex-lupo Felice Evacuo.

Nella stagione 2004-2005 l’attaccante classe ’82 trascina con i suoi gol (otto in 32 partite) il club biancoverde alla promozione in Serie B. La stagione successiva viene ceduto in prestito alla Sassari Torres che lascia dopo appena un anno, ritornando ad Avellino ed aiutando la squadra irpina a risalire in B con ben 16 reti in 31 partite. La sua storia con l’Avellino termina nuovamente a fine stagione, quando gli viene proposto un contratto triennale con il Frosinone e diventando per 5 anni vincitore della classifica capicannonieri della LegaPro.

Nel 2014 viene acquistato a titolo definitivo dal Novara, che oggi ritrova la vittoria dopo 5 giornate senza gol proprio grazie alla doppietta di Evacuo, vicinissimo alla tripletta; al 34′ difatti, Frattali para il rigore battuto dal 34enne di Pompei, che appena un minuto dopo trova il suo primo gol del match a causa di un errore a centrocampo da parte della difesa biancoverde. Ma l’ex-lupo non si ferma e al 37′, in seguito ad un altro errore in area di rigore, Evacuo firma la doppietta, facendo salire il numero dei gol stagionali a sei.

Quel rigore quasi sbagliato di proposito, un tiro centrale facilmente bloccato da Frattali, le scuse ai tifosi dopo i due gol realizzati, e ripetute in conferenza stampa a Sky Sport rendono onore a un calciatore che ad Avellino vive con la sua famiglia.

Partita da dimenticare dunque per l’Avellino di Tesser, che ora dovrà giocare bene le sue carte in vista della sfida in casa contro il Bari con Jidayi, Pisano e Chiosa ammoniti e Pucino espulso.

Leggi anche