Serie B, 14a giornata: si inizia sabato con Spal-Brescia

Inizierà sabato alle ore 15:00 la quattordicesima giornata di Serie B con Spal – Brescia. Settimi a 21 punti insieme al Benevento, gli spallini sono reduci da una buona vittoria al “Piola” di Novara per 0-1 che ha interrotto la serie positiva dei piemontesi tra le mura amiche. Di contro il Brescia, sconfitto in trasferta in quel di Chiavari dall’Entella, si presenterà al “Mazza” di Ferrara forte del successo casalingo contro il Cesena nell’ultimo turno della tredicesima giornata.

Alle 18:00 sarà il turno di Vicenza – Latina, con i veneti che torneranno al “Menti” con il favore dello scontro diretto vinto in Sicilia contro il Trapani, mentre il Latina sarà ugualmente galvanizzato dopo il successo casalingo del “Francioni” ai danni del Bari, sconfitta che è costata la panchina a Roberto Stellone.

Proseguirà domenica, beneficiando della sosta della Serie A, il calendario della quattordicesima giornata di Serie B, palinsesto che vedrà nell’ordine, l’anticipo delle 12:30 tra Cesena e Pisa. La squadra di Camplone, sconfitta dal Brescia al “Rigamonti“, cercherà una vittoria tra le mura amiche che manca ormai da tredici giornate (l’unico successo casalingo è l’1-0 sul Carpi nel derby emiliano), mentre il Pisa, che non vince più da sette giornate ed è uscito sconfitto dal match contro il Perugia, cercherà di portare a casa dei punti preziosi per la propria classifica, allontanandosi proprio da quel Cesena penultimo e distante solo 5 punti dai nerazzurri.

Fischierà alle 15:00 della domenica, invece, il calcio di inizio per le seguenti partite:

Carpi – Avellino: trasferta insidiosa per i Lupi che al “Cabassi” saranno decimati e privi di tanti elementi fondamentali per l’undici di Toscano. Al tecnico calabrese spetterà, infatti, l’onere di trovare la giusta ricetta alchemica che possa garantire dei punti in trasferta dopo le cinque sconfitte e il solo pari rimediato a Vicenza nella quinta giornata di Serie B. Dal canto suo, il Carpi, nell’ultimo impegno casalingo, è stato battuto dall’Ascoli, pareggiando, più recentemente, in trasferta a Vercelli per 0-0. Ottavi e con ambizioni di ritorno in Serie A, gli emiliani saranno un difficile ostacolo per un Avellino che deve allontanarsi dalle sabbie mobili del fondo classifica.

Perugia – Trapani: quinto e vittorioso il Perugia in quel di Pisa, la squadra di Bucchi, trascinata dall’ex bomber della Juve Stabia Di Carmine, affronterà un Trapani fanalino di coda e sconfitto nello scontro diretto contro il Vicenza tra le mura amiche del “Provinciale“. Due vittorie di fila per gli umbri e due sconfitte per il Trapani; diverso il cammino, diverso il trand in campionato di due squadre che si incontrano per decidere il percorso del proprio futuro.

Benevento – Cittadella: è ritornato in auge il Benevento che, dopo una piccola serie negativa, è ritornato a vincere contro Spezia e Ternana, rilanciandosi nei piani alti della classifica. Lo stesso si può dire del Cittadella, non più capolista ma seconda forza del torneo e reduce da due vittorie consecutive contro Latina e Salernitana. Partita che può fare la differenza nei piani alti della classifica, tra due squadre ambiziose che non vogliono recitare il mero ruolo di matricola.

Entella – Pro Vercelli: quando possiedi il secondo miglior attacco del torneo e non perdi in casa da una stagione e mezzo, non è un caso che ti ritrovi al quarto posto, gomito a gomito con le grandi più blasonate a un pronto ritorno in Serie A. E’ la favola dell’Entella che, al “Comunale“, attende una Pro Vercelli che non vince da quattro partite, rimediando due pareggi e due sconfitte, entrambe subite in trasferta.

Frosinone – Ascoli: vittorioso ad Avellino, il Frosinone torna al “Matusa” in cui ha inanellato tre vittorie consecutive. Ciò non fa paura all’Ascoli, in serie utile da quattro turni e capace di battere Cittadella e Carpi, fermando anche Entella e Salernitana. Quasi dieci punti allontanano le due compagini in classifica, ma il match del “Matusa” è tutt’altro che scontato.

Verona – Novara: la capolista è chiamata ad ospitare un Novara che in trasferta non è solito brillare. In casa la squadra di Pecchia è un rullo compressore, imbattuta ed in serie utile da dieci partite. Non si può dire lo stesso del Novara, quattordicesimo in campionato e reduce da due sconfitte contro Ternana e Spal.

Salernitana – Ternana: Soltanto un punto divide le due squadre che viaggiano nella parte medio – bassa della classifica (13 punti per la Salernitana e 12 punti per la Ternana). Entrambe reduci da una sconfitta, rispettivamente contro Cittadella e Benevento, si confronteranno per distaccarsi, vicendevolmente, dalle posizioni pericolose e dalle dirette avversarie sofferenti in questo momento stagionale.

Bari – Spezia: chiuderà il turno l’esordio di Stefano Colantuono sulla panchina pugliese alle 20:30, in un incontro non semplice. Al “San Nicola” verrà uno Spezia che non vince da tre partite ed è scivolato nella decima posizione in classifica, dopo aver coabitato per molti turni tra le outsiders del torneo. Soltanto un punto divide le due squadre che navigano a metà classifica (17 punti lo Spezia, 16 il Bari), compagini che, ad inizio stagione, ambivano a ben altre posizioni e che, in questa occasione, avranno modo di dare una svolta al rispettivo cammino deludente.

Leggi Anche: