Serie B 2013-2014: Reggina-Bari, su Sky Sport 1, stasera inaugura la stagione

La Serie B si apre con un anticipo di lusso quello tra Reggina e Bari. Due squadre dal blasone ricco che però negli ultimi anni non riescono ad uscire dal limbo della serie cadetta e così tornare ai fasti di un tempo. La diretta della partita è in esclusiva su Sky Sport 1 a partire dalle 20.45.

Gli amaranto quest’anno ci proveranno anche perché si festeggia il centenario della loro fondazione e così questa sera i padroni di casa dovrebbero schierarsi con l’ormai consolidato 3-5-2 di Atzori e far esordire dal primo minuto il portiere Benassi acquistato dal Lecce. In attacco la coppia gol formata da Fischnaller e Girardi. Gli ospiti invece si devono ingegnare poiché i dubbi, che saranno sciolti solo all’ultimo sono davvero tanti, e così per i biancorossi di Gautieri le uniche certezze sono quelle rappresentate dall’attacco con Defendi, Sciaudone e Marotta, dietro l’unica punta Albadoro.

Gianluca Atzori Reggina

Per la Reggina ha parlato il neo acquisto Rigoni che ha detto: Ho svolto la preparazione con il Chievo, seppure ho giocato meno rispetto ad altri compagni. Il mister deciderà se ritenermi arruolabile dal primo minuto con il Bari oppure inserirmi a gara in corso: io sono pronto”. Mentre per il Bari ha parlato Alessandro Marotta che l’ultima volta  ha segnato proprio contro i calabresi: “La Reggina sta lavorando in silenzio e se guardiamo la squadra è composta da ottimi elementi. In più avranno una cornice di pubblico importante per i festeggiamenti del centenario. Sarà difficile ma noi abbiamo l’obbligo di provarci con tutte le forze”.

Queste le probabili formazioni:

Reggina: Benassi; Adejo, Lucioni, Ipsa; Maicon, Colucci, De Rose, Barillà; Louzada, Fischnaller; Gerardi.

Bari: Guarna; Sabelli, Ceppitelli, Samnick, Calderoni; Romizi, De Falco; Defendi, Sciaudone, Marotta; Albadoro.

Leggi anche — > Play Off Serie B: si cambia, anche 7° e 8° posto possono valere la A

Leggi anche — > Calciomercato Reggina 2013-2014: Aronica vicino a un ritorno in amaranto