Avellino-Cesena si è conclusa con il punteggio di 1-1. Un pareggio che in fin dei conti, va bene a entrambe le squadre ai fini della classifica, o almeno non fa male a nessuno. Entrambe le squadre hanno prolungato la propria striscia utile a cinque risultati utili consecutivi, ma soprattutto è rimasto intatto il vantaggio sulla quint’ultima, il Brescia (nel caso dell’Avellino sei punti).

Analizzando però la partita dell’Avellino più nel dettaglio, c’è probabilmente un po’ di delusione. La squadra di Novellino era infatti riuscita a passare in vantaggio, ma si è fatta raggiungere pochi minuti dopo grazie all’errore clamoroso di Radunovic. Una volta arrivato al pareggio, il Cesena si è reso più pericoloso dell’Avellino, che poi si è complicato le cose con l’espulsione piuttosto ingenua di Ardemagni, che ora potrebbe essere costretto a saltare sicuramente la partita di Ascoli.

Ascoli che sarà già martedì l’ultimo scontro diretto prima del trittico di fuoco “Benevento-Bari-Salernitana”. Ieri i marchigiani hanno impattato in casa contro il Brescia, e hanno quattro punti in meno in classifica dell’Avellino. Giocheranno in casa e dunque cercheranno la vittoria, per tirarsi fuori dalla zona calda. Questo potrebbe a sua volta favorire gli irpini, che potranno così agire di rimessa e colpire in contropiede.

Intanto la squadra è tornata ad allenarsi già questa mattina al Partenio, a causa dei ritmi folli del campionato di Serie B, soprattutto in questo mese di aprile. Poi dopo l’impegno di Ascoli gli uomini di Novellino potranno rifiatare un po’, dato che contro il Benevento si giocherà in posticipo di lunedì.

Prima però c’è da pensare alla trasferta del “Cino e Lillo Del Duca”, dove torneranno Eusepi e Moretti dalla squalifica, e il dubbio principale per Novellino sarà proprio il partner d’attacco del primo. Ancora Castaldo o finalmente il rilancio di Verde, che sembra completamente dimenticato dal mister in queste ultime partite?