Serie B 2017-18, la situazione delle panchine

Boscaglia ritorna a Brescia, Oddo vicino alla panchina del Bari

La stagione di Serie B appena conclusa non ha ancora sancito tutti i suoi verdetti, ma nell’attesa di un quadro più delineato di ciò che sarà il Campionato 2017-18, le società si stanno già organizzando per pianificare il futuro, a cominciare dal profilo tecnico che riguarda la scelta dell’allenatore con cui concordare le successive mosse di mercato.

Ecco, così, ad oggi, come si presentano le rispettive squadre di Serie B:

Ascoli: Appese le scarpette al chiodo, Enzo Maresca affronterà la sua prima stagione da allenatore proprio sulla panchina bianconera. Per l’ex centrocampista di Juventus, Palermo e Verona si tratta di un esordio assoluto. Al suo fianco siederà l’ex vice di Giuseppe Sannino sulla panchina della Salernitana, Enzo Fiorin.

Avellino: La salvezza degli Irpini è tutta merito di Walter Novellino, il quale, dopo aver restituito entusiasmo e gioco ad una piazza e ad una squadra con tante paure e poche idee, adesso viene riconfermato dalla società bianco-verde, con la quale potrà senz’altro pensare al futuro.

Bari: Fallito l’obiettivo Play-Off e quello della Promozione, i pugliesi salutano Stefano Colantuono e punterà al ritorno in Serie A facendo affidamento su un altro allenatore. Al momento i nomi più accreditati sono quelli di Massimo Oddo, recentemente alla guida del Pescara, e Christian Bucchi, attuale tecnico del Perugia. Minori sono le quotazioni di Marco Baroni del Benevento (piace anche al Sassuolo) e di Massimo Rastelli che si è legato al Cagliari sino al 2019, uscendo così dalla rosa dei candidati.

Brescia: Sino a pochi giorni fa sembrava una corsa a due tra Alfredo Aglietti e Massimo Drago, ma la dirigenza delle Rondinelle ha, infine, affidato la panchina ad un cavallo di ritorno: alla guida del Brescia torna Roberto Boscaglia che sostituisce il non confermato Gigi Cagni.

Cesena: Malgrado la difficile stagione dei bianco-neri, e che ha dimostrato di offrire del bel gioco a discapito, però, di una continuità di risultati costata cara alle ambizioni bianco-nere di alta classifica. Nonostante ciò la società, molto probabilmente, confermerà Andrea Camplone.

Cittadella: Nella cittadina patavina pochi si sarebbero aspettati di giocare i Play-Off da neopromossi in Serie B. E’ questo il merito di Roberto Venturato, tecnico richiesto anche in Serie A ma che non lascerà la causa granata nella prossima stagione.

Cremonese: Il ritorno in Serie B dei grigio-rossi dopo undici anni coincide con il più immediato ritorno di un altro allenatore navigato nelle esperienze in cadetteria: dopo la straordinaria cavalcata dalla terza serie alla Serie A alla guida del Novara, Attilio Tesser (tra l’altro ex tecnico dell’Avellino) torna in questo campionato con i lombardi per pianificare la nuova stagione.

Empoli: Fa ancora male la retrocessione dei toscani, maturata sul campo del Palermo. L’addio del ds Carli dopo anni di collaborazione fa presagire, inoltre, una rivoluzione in casa azzurra, cambiamento che non ha ancora però chiarito il volto dell’allenatore su cui verterà il nuovo progetto toscano, quasi sicuramente rivolto ad un pronto ritorno in massima serie. Se Giovanni Martusciello è un candidato per seguire Luciano Spalletti all’Inter, l’Empoli sta ancora pensando ai possibili candidati per sostituire l’ex vice di Giampaolo: avanza nelle ultime ore il nome di Moreno Longo, attuale tecnico della Pro Vercelli, ma non è da escludere nemmeno l’ipotesi Christian Bucchi.

Frosinone: Fallito il ritorno in Serie A, il club ciociaro saluta Pasquale Marino e si affida ad un nome nuovo per la panchina: la rosa dei candidati vede Christian Bucchi tra i più probabili successori del tecnico siciliano, mentre seguono anche le percentuali di Gianluca Grassadonia, nell’ultima stagione alla guida della Paganese in Lega Pro, con un’esperienza in Serie B con la Salernitana.

Foggia: A Foggia non ci son dubbi: il ciclo vincente di Giovanni Stroppa segue quello di “ZemanLandia” e sull’onda dell’entusiasmo l’ex tecnico del Pescara neo-vincitore del Campionato di Lega Pro e della SuperCoppa di categoria ai danni del Venezia, viene confermato e blindato dai rossoneri.

Novara: Christian Brocchi potrebbe ripartire da Novara. Se così fosse si invertirebbe il percorso degli allenatori tra la squadra piemontese ed il Brescia, con l’ex tecnico dei novaresi Boscaglia accasatosi alle Rondinelle e con l’ex Milan e Brescia, candidato, al contrario, a guidare proprio gli azzurri di Piemonte. Minori sono le percentuali di Mimmo Di Carlo, il quale potrebbe chiudere la sua esperienza allo Spezia, falliti i Play-Off.

Palermo: In Sicilia tiene banco la questione societaria, con i palermitani in trepida attesa di veder completato il closing da parte di Baccaglini. Sino ad allora le questioni legate alla panchina sono un vero mistero, seppure Baccaglini sembra aver le idee chiare su chi affidare il suo nuovo Palermo: se per il ruolo di direttore sportivo sono stati avviati i contatti con Marcello Carli, reduce da una pluriennale esperienza all’Empoli, per quanto riguarda la panchina è sfumato il primo candidato Roberto Boscaglia, accasatosi al Brescia. Difficile, in alternativa, la conferma di Diego Bortoluzzi, per cui occorrerà attendere la definizione del nuovo assetto societario prima di pensare alla nuova stagione ed al futuro tecnico dei siciliani.

Perugia: La superba stagione degli umbri porta la firma di Christian Bucchi, tecnico rivelazione di questo campionato. Ambito da mezza cadetteria e da qualche club di Serie A, l’ex punta di Modena e Cesena la prossima stagione sarà sicuramente lontano dal capoluogo umbro e, perciò, la dirigenza del Grifone avrebbe già individuato in Vincenzo Vivarini il possibile sostituto.

Pescara: Dopo l’amara retrocessione, la voce del cambiamento passa dalle parole al lavoro di Zdenek Zeman, quanto più determinato a riportare il Delfino in Serie A attraverso il bel gioco e la valorizzazione di giovani calciatori.

Pro Vercelli: Malgrado l’interesse dell’Empoli, Moreno Longo non dovrebbe lasciare Vercelli la prossima stagione. In quella che è stata una piccola colonia torinista, l’ex tecnico della Primavera del Torino dovrebbe continuare il progetto di valorizzazione dei giovani portato avanti dalla storica società piemontese.

Salernitana: A Salerno qualcuno aveva anche creduto che Alberto Bollini avrebbe potuto portare i granata davvero a un passo dai Play-Off. Per questo, per la bella stagione che ha valorizzato tanti giovani granata, il club campano confermerà l’ex tecnico del Lecce e della Primavera della Lazio.

Spezia: A La Spezia non è così certa la permanenza di Mimmo Di Carlo. L’eliminazione ai Play-Off ha fatto male ai Liguri e l’ex tecnico del Chievo potrebbe, così, dunque, pensare di cambiare aria. Se ciò accadesse potrebbe subentrare Massimo Oddo.

Ternana: Anche a Terni, come a Palermo, si delinea un nuovo assetto societario. Solo secondariamente si potrà pensare alla panchina rosso-verde. Fabio Liverani, artefice della salvezza delle Fere potrebbe anche rimanere in Umbria, ma se così non fosse ecco che la società potrebbe pensare a Massimo Drago, ex allenatore di Crotone e Cesena.

Venezia: Il ritorno in Serie B del Venezia dopo dodici anni è tutto merito di Pippo Inzaghi, perciò il futuro di Super Pippo per la prossima stagione è ancora legato alla maglia tricolore della Serenissima.

Virtus Entella: In casa ligure si prospetta la linea della continuità. Confermato per la prossima stagione Giampaolo Castorina.