Serie B che caos con i ripescaggi, a rimetterci anche la Lega Pro

L’inizio dei campionati di Serie B e Lega Pro è a forte rischio. Anzi, per quanto riguarda la Lega Pro, in particolare per il girone A, questo sembra abbastanza certo. Ma cerchiamo di fare ordine in una vicenda grottesca, che ancora una volta mette in luce i problemi della giustizia sportiva e del calcio italiano, ricordando da molto vicino il caso Catania del 2003, che portò la B a 24 squadre.

Il Novara ricorre all’Alta Corte del Coni dopo che la Federcalcio decide per la B a 21 squadre. L’11 agosto l’Alta Corte accoglie il ricorso, deliberando che il format del campionato dovrà essere a 22 squadre, indicando inoltre alla Federcalcio di non dover applicare per i ripescaggi il consueto criterio 171/A, che tiene conto per il 50% dell’ultima posizione in clasifica, del 25% della tradizione sportiva e del 25% della media spettatori nelle ultime annate calcistiche. Questo poichè nel caso specifico, si tratterebbe di “reintegro” e non di “ripescaggio”.

La Federcalcio tuttavia nel consiglio della settimana scorsa decide che sarà applicato (nel consiglio di lunedi prossimo)  proprio questo criterio. Criterio che metterebbe Reggina, Lecce e Novara davanti alla Juve Stabia, se non fosse che persiste il “divieto di ripescaggio per le squadre che hanno scontato penalità nelle ultime due stagioni“. La Juve Stabia dunque dovrebbe completare l’organico di Serie B,  poichè le altre 3 hanno tutte subito penalità nelle ultime stagioni.

Nel frattempo però, nel caos giuridico che si è venuto a creare, molte altre squadre hanno presentato domanda di ripescaggio in B: oltre alla Juve Stabia, anche Pisa, Vicenza, Lecce, Benevento e Catanzaro, a cui (come riportato ieri sulla Gazzetta dello Sport), potrebbero presto aggiursene altre: Salernitana, Como, Reggina, Cosenza, Matera e il Novara stesso. La società piemontese ha presentato addirittura due ricorsi al Coni: uno per far cambiare i criteri di ripescaggio e un altro per il ripescaggio stesso, di cui il Coni ne discuterà giovedì.

La decisione sulla 22esima squadra di B dovrebbe arrivare lunedi o martedi prossimo, e fermo restando che la squadra ripescata inizierebbe il campionato ritardo, in teoria si potrebbe partire con l’anticipo di venerdì tra Perugia e Bologna. Tuttavia, a parte il ricorso del Novara al Coni di cui sopra, le squadre escluse sicuramente presenteranno altri ricorsi, aumentando il caos e dando la palla ai tribunali che ancora una volta sostituirano il campo da gioco.

In tutto questo pasticcio vi rientra ovviamente la Lega Pro, che dovendo liberare un posto al posto della squadra che sarà ripescata in B, ha riaperto i termini di domanda per il ripescaggio da lunedì per una settimana, poichè le squadre che lo avevano presentato (Correggese, Akragas, Poggibonsi, Arzanese e Porto Tolle) non hanno impianti a norma. Appare quindi impossibile che il campionato inizi domenica prossima, almeno il girone A che è quello dove in teoria ci sarebbe il Novara.

Leggi anche: Serie B a 22 squadre, accolto il ricorso del Novara

leggi anche:  Serie B 2014-2015 a 21 squadre, un pasticcio all’ italiana