Sidigas Avellino, addio primo posto nel girone in Champions

E’ stata una dolorosa sconfitta interna quella subita ieri sera dalla Sidigas Avellino ad opera dei montenegrini del Mornar Bar, nella 12esima giornata di Basket Champions League. Sconfitta culminata al termine di quella che, inappuntabilmente, è stata la peggior prestazione stagionale degli uomini di coach Sacripanti. Una Sidigas irriconoscibile che ha commesso molti errori ed ha tirato con una bassissima percentuale dal campo.

Si può ipotizzare che le sconfitte delle dirette concorrenti/inseguitrici per la qualificazione (i francesi dello Strasburgo ed i lituani dell’Utena), arrivate già prima che gli irpini calcassero il parquet, abbiano implicitamente inficiato sullo stato psicologico e motivazionale della squadra, che è parsa stanca e negligente sin dalle primissime battute del match.

Sidigas Avellino-Mornar Bar

I 53 punti finali realizzati cozzano con i numeri a cui siamo stati abituati a vedere nel corso di questa stagione e sono la dimostrazione di una serata storta derivata dalla stanchezza di alcuni uomini chiave (Ragland e Randolph su tutti), i quali già nella sfida di domenica contro Trento avevano lanciato i primi segnali di allarme (per fortuna, in quel caso, ci pensò il “divino” Green).

Peccato, poiché grazie ai concomitanti risultati delle altre gare in programma, una vittoria avrebbe consentito alla Scandone di staccare il pass per la qualificazione con almeno il secondo posto in saccoccia, con la possibilità di tentare il colpaccio per raggiungere la prima posizione nel prossimo turno in quel di Tenerife, attualmente al comando del girone. Invece, complice il clamoroso risultato scaturito ieri al Del Mauro, la Sidigas ha detto addio alle speranze di primo posto ed, inoltre, ora dovrà difendere la seconda posizione dall’assalto di Strasburgo e Juventus Utena.

Mancano due giornate alla fine della prima fase della Champions League e la Sidigas chiuderà il girone, prima facendo visita agli spagnoli del Tenerife (i quali a meno di un clamoroso harakiri, hanno il primo posto in tasca) e poi ospitando al Del Mauro i lituani della Juventus Utena, in quella che si preannuncia sarà una sfida che metterà in palio il secondo posto, Strasburgo permettendo.

Infine, finalmente la Scandone potrà usufruire di un po’ di riposo dopo 3 mesi di partite no stop, in virtù della pausa del campionato che durerà fino al prossimo 21 Gennaio, e potrà preparare nei minimi dettagli la decisiva e fondamentale trasferta in terra spagnola del prossimo mercoledì.

In questa settimana gli uomini di Sacripanti dovranno tentare di recuperare energie per ovviare alla mancanza di lucidità appurata nelle ultime due apparizioni e rimettere benzina nelle gambe per riattivare un motore che finora ha regalato molte gioie e poche delusioni a tutti gli appassionati, e non, della palla a spicchi. Non sarà una sconfitta, seppur dolorosa, a cambiare il giudizio di quella che è stata, senza ombra di dubbio, una prima parte di stagione fulgida e soddisfacente.