Sidigas Avellino, in attesa di Logan con Pesaro l’imperativo è vincere

Sarà un weekend di passione e da vivere tutto d’un fiato quello che attende la Sidigas Avellino. Infatti, da ieri sera ogni ora potrebbe essere quella buona per veder tramutare il sogno di portare David Logan in Irpinia in realtà. E’notizia di poche ore fa, infatti, l’acquisizione da parte dei lituani del Lietuvos (detentori del cartellino di Logan) del cestista Jimmy Baron in quella che sembra essere un’operazione prettamente legata alla partenza dell’ex Sassari, date le caratteristiche tecniche molto simili dei due.

Sebbene dalla Lituania facciano ancora melina riguardo l’affare Logan-Avellino, con i lituani riluttanti all’idea di lasciar partire il fuoriclasse americano, tutto lascia presagire che la trattativa è nella fase finale con il giocatore che spinge per un arrivo in Italia già nelle prossime ore. Inutile dire che ad Avellino l’attesa, tra gli addetti ai lavori, è snervante per un acquisto di tale caratura. Dal coach Sacripanti, passando per i giocatori fino ad arrivare allo staff dirigenziale (con il patron De Cesare che ha un debole per il giocatore e il sacrificio economico attuato per portarlo in Irpinia ne è la tangibile dimostrazione….) tutti stanno attendendo il lasciapassare dalla Lituania per accogliere ed abbracciare Logan già prima del match di domenica contro la Vuelle Pesaro.

Ecco, il match di domenica. Il rischio è che la trattativa Logan abbia distratto e distorto l’attenzione della squadra e di tutto l’ambiente da quella che è una partita da vincere a tutti i costi per presentarsi nel migliore dei modi all’appuntamento delle Final Eight di Coppa Italia, in programma il prossimo weekend in quel di Rimini. Sidigas che vuole vincere anche per mettersi alle spalle la dolorosa debacle di Pistoia e coach Sacripanti ha serrato i ranghi in settimana per far capire l’importanza della gara contro i marchigiani e cercare di concentrarsi solo ed esclusivamente sulla gara.

Avellino che arriva incerottato all’appuntamento in virtù del fatto che all’indisponibilità di Cusin e ai noti problemi fisici di Ragland si è aggiunta (come si dice, quando piove non disperare perchè potrebbe diluviare…..) l’influenza che ha colpito Fesenko che ha lasciato il roster ridotto all’osso durante gli allenamenti settimanali. Il centro ucraino, così come Ragland, dovrebbe essere della partita ma è assodato che i due non saranno al 100% e che coach Sacripanti dovrà escogitare piani alternativi per sopperire alla scarsa condizione dei due.

Di fronte agli irpini ci sarà la Consultinvest Pesaro, squadra rognosa sebbene sia in difficoltà praticamente dall’inizio della stagione. I marchigiani occupano il terzultimo posto della graduatoria del campionato ma non per questo sono una squadra priva di talento. Nel roster sono annoverati, infatti, giocatori dal talento cristallino come Jones e Thorthon, mestieranti come Zavackas e Jasaitis e tanti giovani di prospettiva, per una squadra ben omogeneamente mixata e guidata dalla sapiente regia di coach Bucchi.

Detto ciò, bando alle ciance poiché l’unico imperativo per la Scandone dovrà essere la vittoria e siamo certi che lo staff tecnico stia preparando minuziosamente la partita per scardinare gli avversari e colpirli nei loro punti deboli. Vincere per restare in alto. Aspettando David Kyle Logan..