Siena-Avellino: il focus sui toscani, avversari dei lupi

beretta siena

L’Avellino affronterà domenica 13 ottobre la trasferta toscana di Siena, una partita che sembra essere proibitiva per i lupi. Nonostante i biancoverdi stiano attraversando un grande momento di forma, terzi in classifica e due vittorie consecutive contro Empoli e Bari, la sfida dell'”Artemio Franchi” sarà complicata sotto molti punti di vista. Il Siena è una squadra quadrata, ostica, con un organico da Serie A. La squadra allenata da Mario Beretta ha già recuperato i 5 punti di penalizzazione in classifica e non perde dalla seconda giornata di campionato, quando fu sconfitta 2-1 a Novara. Beretta è solito schierare la sua squadra con il 4-3-3.

Gaetano D'Agostino

Tra i pali c’è Eugenio Lamanna, al suo primo anno con la maglia bianconera dopo l’esperienza biennale a Bari dove ha collezionato 82 presenze in due campionati di Serie B. La difesa a quattro può vantare giocatori esperti che hanno già giocato in massima serie. La coppia di centrali è formata da Paolo Hernan Dellafiore, ex Palermo e Parma, e Santiago Morero, ex Chievo e molto pericoloso di testa sui calci piazzati. Entrambi comunque potrebbero commettere degli errori se messi sotto pressione. Sugli esterni potrà creare qualche grattacapo alla difesa biancoverde il brasiliano Angelo, vero e proprio treno sulla fascia destra. A sinistra c’è invece il giovane Fabrizio Grillo, autore del suo primo gol in Serie A nel finale della scorsa stagione. Il centrocampo è probabilmente il reparto migliore dei toscani. A guidarlo c’è Simone Vergassola, capitano della squadra che vanta oltre 300 presenze con la maglia del Siena, abile nel recuperare palloni e negli inserimenti. Bisognerà stare attenti alle doti di Gaetano D’Agostino, che con il suo sinistro è capace di disegnare traiettorie imparabili sui calci di punizione e può servire palle gol interessanti per i compagni. A completare il reparto, come se non bastasse, ci sono Nico Pulzetti e Guillermo Giacomazzi, entrambi con un passato in Serie A. La stella della squadra è Alessandro Rosina, che gioca da esterno nel 4-3-3 di Beretta. Svaria su tutto il fronte offensivo, può fare l’ala, la seconda punta e il trequartista. Rastelli sicuramente cercherà di limitarlo il più possibile. Nella partita contro l’Avellino mancherà Niccolò Giannetti, squalificato, che ha realizzato il gol vittoria contro il Trapani. Una grossa perdita per Beretta, che dovrebbe porre rimedio schierando Francesco Valiani nel tridente offensivo con Michele Paolucci punta centrale.

TUTTO su Siena-Avellino

Leggi anche –> Siena-Avellino, Riccio: “Il segreto dei lupi è l’umiltà”

Leggi anche –> Siena-Avellino, in trasferta anche un tifoso biancoverde da Barcellona

Leggi anche –> Siena-Avellino, le info sui biglietti per il settore ospiti