Siena Calcio, iscrizione a rischio: servono 7 milioni

Manca pochissimo al Siena Calcio per regolarizzare l’iscrizione al prossimo Campionato di Serie B. Per la gloriosa società toscana però non c’è ancora nessuna certezza sul futuro e soprattutto sulla possibilità di iscrizione. La Robur rischia seriamente di abbandonare il calcio professionistico, la situazione è preoccupante in quanto bisogna trovare entro domani 7 milioni di euro per pagare i debiti. Le dimissioni di Massimo Mezzaroma di qualche giorno fa hanno peggiorato ulteriormente la situazione.

I tifosi bianconeri sono in ansia e, proprio per questo, la società senese a firma del consigliere delegato Alberto Parri ha diramato un comunicato per fare chiarezza sul futuro “Si è concluso positivamente il confronto tra la proprietà dell’Ac Siena e una delle Società che si era resa disponibile a rilevarne le azioni. Considero pertanto raggiunto il compito che mi ero riproposto, ovvero quello di mettere in contatto tutti i soggetti coinvolti nell’operazione: proprietà, acquirente e banca, così da creare le condizioni formali e sostanziali per raggiungere l’obbiettivo di iscrizione al campionato entro la data di scadenza”. 

“Voglio augurarmi – aggiunge Alberto Parri – che nelle poche ore ancora a disposizione si possa portare a compimento questo percorso, affinché la lunga attesa per la soluzione dei problemi dell’Ac Siena si possa risolvere positivamente, ma ritengo doveroso mettere tutti a conoscenza della complessità delle procedure di carattere tecnico, giuridico e bancario che ancora permangono e che devono essere superate per portare a termine l’operazione di salvataggio”.

Nella giornata di martedì purtroppo per il Siena è arrivata la notizia della mancata iscrizione al prossimo campionato di Serie B. Il Siena Calcio ripartirà dai dilettanti

Leggi anche