Spezia-Avellino 0-0: difesa protagonista in Liguria

L’Avellino pareggia a La Spezia e certamente non esulta come una vittoria, ma accoglie con enorme gioia il punto allo stadio “Picco” impianto certamente non semplice da espugnare e che per poco rischiava di diventare stregato se la girata di Ebagua all’85° minuto fosse entrata e non sbattuta sul palo.

Ancora protagonista la difesa che disputa una gran bella gara, di sostanza ma anche di qualità: Peccarisi, Izzo e Pisacane hanno davvero giocato una grande partito, anche considerando la botta subita dal difensore napoletano nella seconda frazione di gioco che gli è costata una ferita al naso. I tre insieme sono diventati davvero leader della squadra, ma soprattutto hanno alzato un vero e proprio muro difficilmente valicabile: 16 reti fin qui (la migliore, quella del Lanciano, ne ha subiti 12) e retroguardia sempre attenta e mai sorpresa dalle giocate degli avversari.

Ora i Lupi sono attesi dal tour de force con 4 partite in appena 15 giorni e dunque chiamati a tener duro e a prendere il maggior numero di punti possibile: l’Avellino resta nelle zone alte della classifica nonostante non vinca da tre partite, ma non perdere contro Spezia e Cesena, senza neanche prendere gol, significa molto per una squadra che guarda solo alla salvezza.

Leggi anche -> Spezia-Avellino: la cronaca della sfida del “Picco”

Leggi anche -> Spezia-Avellino, le pagelle: Togni dov’è?

Leggi anche -> Spezia-Avellino 0-0, Rastelli: “Il pareggio? Noi siamo….”