Spezia-Avellino, Paghera: “Dobbiamo sempre aiutarci”

La conferenza stampa del centrocampista dell'Avellino

In vista della partita Spezia-Avellino, che sarà disputata sabato prossimo al Picco,  Paghera, nella conferenza stampa di stamattina al termine della seduta odierna di allenamento, sottolinea l’importanza del gruppo:”Dobbiamo sempre aiutarci e giocare insieme!”.

Alla domanda ‘Come si fa a far dimenticare a voi e al pubblico la debacle di sabato contro il Perugia? La avete analizzata?’, il centrocampista risponde così: “Penso non sia facile analizzare una partita troppo brutta per essere vera, ma se siamo una grande squadra lo dimostriamo sabato dalla reazione che avremo, andando a fare una partita intelligente e senza paura.

Novellino ha parlato di stanchezza e concentrazione non al massimo che ha portato un atteggiamento sbagliato in campo…ma il giocatore afferma “Atteggiamento non credo, però per la prima volta da quando è arrivato lui abbiamo fatto una partita diversa da come l’ aveva preparata il mister. Forse dopo il gol del Perugia la troppa voglia di recuperarla giocando senza equilibrio non ci ha aiutato! Dobbiamo sempre aiutarci e giocare insieme perché così raggiungiamo i risultati come fatto finora. Il gruppo non deve perdere allegria, però quando si va in campo bisogna reagire, già a La Spezia”.

Gli viene chiesto se l’obiettivo resta la salvezza e quanto abbia inciso la questione penalizzazione sulla prova di sabato e lui risponde: “La penalizzazione non deve essere un alibi né per me né per nessuno, altrimenti non si potrebbe fare il calciatore. Quanto agli obiettivi: bisogna guardarsi indietro e pensare partita per partita! La serie B è strana, vediamo dove siamo a sei giornate dalla fine”.

Quanto ha influito psicologicamente il pareggio subito a Vercelli e quanto ha pesato l’assenza di D’Angelo? “Il pareggio di Vercelli non c’entra nulla! Sabato è stato un incidente e una partita troppo brutta per essere descritta. Dobbiamo dimostrare questo alla prossima! L’assenza di D’angelo sicuramente ha pesato, ma chi è sceso in campo ha fatto il suo!”.

Infine sull’arbitraggio di Manganiello e sulle curiosità in merito all’arrivo di Moretti, su cosa sia cambiato ora in mezzo al campo, Fabrizio dice: “Non esiste parlare di arbitro, anche se Djimsiti non meritava l’espulsione: è scivolato. Moretti è importante e ci dà una grande mano! Ma ora c’è bisogno di tutti!”.