Stadio Partenio, l’assessore Valentino: “Recupero crediti atto dovuto”

Sulla spinosa questione del Partenio, che ha visto oggi il Comune portare in giudizio l’Avellino per il mancato pagamento di 800.000 euro, è intervenuta l’assessore al patrimonio del comune di Avellino, Paola Valentino, che ha voluto precisare la questione. Ecco le sue parole a Radio Punto Nuovo.

“E’ un atto dovuto, io non ho fatto altro che procedere a una ricognizione degli immobili di proprietà del Comune e capirne i titoli, tra questi c’è lo stadio Partenio per cui risultava una morosità attestante a 800.000 euro. Alla richiesta di mossa in mora, la società dell’Avellino ha risposto di avere effettuato dei lavori”.

Prosegue: “Ciò è sicuramente vero, ma il problema è la quantificazione di questi lavori, sulla preventiva autorizzazione degli stessi. I lavori possono essere riconosciuti solamente se c’è stata una preventiva autorizzazione, altrimenti tutti potrebbero fare dei lavori e potrebbero uno scorporo dalla casse comunali, ma non è così”.

Quindi spiega: “Nell’ultimo incontro si era deciso per un sopralluogo che però poi non è stato effettuato; di conseguenza è un atto dovuto da parte del settore Patrimonio del Comune quello di richiedere il recupero dei crediti”. 

Quindi alla domanda se in seguito il credito potrà essere scorporato, almeno in parte, risponde: “Questo potrà avvenire se il sopralluogo sarà effettuato, e risulterà che i lavori erano stati autorizzati, ma ciò non compete al mio ufficio”.

Conclude: “Comunque si è stabilito che questo sopralluogo avverrà il prima possibile, già la settimana prossima. La determina è servita anche per uno sprone a risolvere la vicenda. Certamente con i lavori effettuati è lo stadio è migliorato, ma il canone di locazione va comunque corrisposto”.