Stadio Partenio, Avellino-Comune: ancora scontro

Il Comune ha riconosciuto dei lavori alla società, che però ha rifiutato ritenendo insufficiente la valutazione

Non c’è paca tra U.S. Avellino e Comune della città sulla questione dello Stadio Partenio-Lombardi. Intervistato da Sport Channel, l’assessore Preziosi ha infatti svelato come l’Ente di Piazza del Popolo abbia riconosciuto alla società di Walter Taccone alcuni lavori allo stadio Partenio per un valore di circa 300.000 euro, ma l’Avellino non ha accettato questa valutazione, chiedendo vengano inseriti anche altri lavori.

Ecco le parole dell’assessore Preziosi:I lavori del 2013 e del 2015 sono stati oggetti di nostre valutazioni come Settore Lavori Pubblici, e abbiamo mandato i conti all’Ufficio Patrimonio che gestisce il contratto con l’Avellino, e alla stessa società. Conti che sono fatti in contraddittorio con i tecnici dell’U.S. Avellino e con la stessa ditta esecutrice”.

Quindi: “Abbiamo quantificato i lavori del 2013 e del 2015 e inviato la nostra relazione, stimando questi lavori per circa 300.000 euro. L’Avellino ha però richiesto che siano valutate anche altri lavori, come per esempio i tornelli, la sostituzione delle poltrone in Tribuna Montevergine, cose che però esulano dal settore Lavori Pubblici, ma credo di competenza del Ufficio Patrimonio”.

Gli viene quindi chiesto se questi lavori potranno essere riconosciuti: “Non lo so, se sono stati autorizzati sicuramente verranno riconosciuti, ma non saprei dire al momento”. Insomma, la soluzione sembra ancora lontana dall’essere risolta, e il tempo stringe, considerando che al momento dell’iscrizione dovrà essere indicato lo stadio dove l’Avellino giocherà le sue partite interne.