Questione Stadio, Assessore Valentino: “Il Partenio può chiudere”

Si fa sempre più preoccupante la questione relativa allo stadio Partenio

La questione sullo Stadio Partenio-Lombardi è diventata ormai un vero e proprio tormentone nei rapporti tra U.S.Avellino e Comune della città. La vicenda, che si trascina ormai da tempo, si è arricchita di un nuovo capitolo, con le dichiarazioni dell’assessore al Patrimonio del Comune di Avellino, Paola Valentino a OttoChannel, secondo cui il Partenio potrebbe chiudere addirittura se la questione non dovesse risolvere.

Ecco le sue parole in merito: “Il rischio di chiusura c’è, i canoni di locazioni non sono stati pagati, non c’è stata una transazione, se questa non inizia lo stadio dovrà chiudere”. Ricordiamo brevemente la questione. Il Comune reclama il pagamento del canone di locazione ammontante a 800.000 euro, mentre la società dell’U.S.Avellino sostiene di avere effettuato dei lavorI di valore uguale se non superiore a questa cifra, per cui dovrebb esserci una compensazione.

Tuttavia l’assessore non ha lasciato molti spiragli sulla questione: “Le due questioni sono distinte e separate, non è possibile la compensazione. Una cosa è il pagamento dei canoni di locazione e un’altra è l’ammontare dei lavori che sono stati effettuati. Bisogna rientrare, necessariamente, con i canoni di locazione.”

Chiude: “Noi amministratori siamo tifosi dell’Avellino e vogliamo che la squadra resti ad Avellino, ma non può dipendere solo da noi. Serve un impegno concreto da parte del presidente per il pagamento dei canoni di locazione: quanto meno al versamento di un acconto e poi alla presentazione di un piano di rientro.”

Giovedì ci sarà un sopralluogo allo stadio di tecnici del comune e dell’Avellino, che dovranno stabilire l’ammontare dei lavori effettuati dalla società biancoverde. L’accordo sembra però lontano: quella che sembrava solo una provocazione del Presidente Taccone (e cioè di andare a giocare a Cava) potrebbe diventare purtroppo realtà per i tifosi biancoverdi.