Taccone via dall’Avellino: “Resto altri dieci anni”

“Resto altri dieci anni“. Così il presidente dell’Avellino Walter Taccone in una dichiarazione al quotidiano “Il Mattino“. Taccone prova quindi a fare chiarezza sul futuro della società, dopo l’inaspettata notizia di sabato scorso, in cui lo stesso presidente dell’Avellino si è dimesso da amministratore unico della società.

In realtà, la notizia di sabato, pur se all’apparenza clamorosa, non sconvolge più di tanto gli equilibri societari della società irpina. Taccone rimane infatti l’azionista di maggioranza di società con il 90% delle quote, mentre il restante 10% fa capo al gruppo di Gubitosa. Il nuovo amministratore unico, il dott. Emilio Argenziano, come ha spiegato lo stesso Taccone, sarà una figura di garanzia, terza ad entrambi gli azionisti della società.

Con la dichiarazione al “Mattino”, il presidente Taccone ha voluto evidentemente rassicurare l’ambiente e chiarire la sua volontà di continuare a investire nell’Avellino, come succede dall’estate del 2009, quando insieme ad altri soci, ebbe il merito di far rinascere il calcio in Irpinia, nonostante lo scetticismo di molti.

Leggi anche: Avellino, Taccone non più Presidente? Non è cambiato nulla

Leggi anche: Avellino, Taccone non è più Presidente: Argenziano Amministratore Unico