Ternana-Avellino, Liverani con molti assenti

Assenze in tutti i reparti tra gli umbri per la gara contro l'Avellino

In vista di Ternana-Avellino, in programma domenica, l’allenatore degli umbri Fabio Liverani dovrà fare i conti con molte assenze. Non saranno infatti sicuramente della gara il difensore centrale Martin Valjent (convocato nella Slovacchia Under 21), il terzino sinistro Luca Germoni e l’altro centrale Alberto Masi. 

Problemi anche a centrocampo, dove non ci sarà Lorenzo Di Livio, così come in attacco mancherà Robert Acquafresca, anche se quest’ultimo in cinque presenze ancora non ha realizzato una rete. Situazione in ogni caso non facile per gli umbri, che da martedì sono in ritiro a Roma per trovare la giusta concentrazione per la sfida contro l’Avellino.

La Ternana, ultima in classifica, ha perso ben sette delle ultime otto partite, vincendo solo contro il Trapani il 12 Marzo, nell’esordio di Liverani in panchina. Ma considerando il rendimento dalla 19esima giornata, il bilancio è catastrofico: 11 sconfitte in 13 partite. La sconfitta più bruciante è sicuramente quella rimediata nel derby interno contro il Perugia (0-1 il 12 Febbraio), su cui tra l’altro pende ancora un ricorso per il caso Gnahore.

L’Avellino ha dunque la possibilità domenica, di eliminare forse definitivamente una diretta concorrente per la salvezza. Lotta salvezza che però rischia sempre di essere decisa dalle penalizzazioni: di ieri è infatti la notizia che anche il Latina è a rischio, dopo il Pisa. Se la squadra pisana ha avuto tre punti di penalizzazione oltre a quello già accumulato in precedenza, per la società pontina il rischio è addirittura di otto punti in meno.

Neanche i lupi d’altronde possono dormire sonni tranquilli, con l’udienza del processo calcioscommesse che si terrà venerdì 7 Aprile. Come ha detto anche il Presidente Taccone qualche giorno fa, l’Avellino dovrà da qui alla fine del campionato arrivare a quota 52-53 punti, così da evitare ogni possibile rischio da una eventuale penalizzazione. In casa Avellino però c’è ottimismo, e la speranza è quella di uscire completamente indenni dal processo.