Toscano esonerato, per l’Avellino un contratto triennale da pagare

La sconfitta con il Cesena, l’ennesima in trasferta in questa stagione per l’Avellino, ha convinto tutti, anche Taccone. Domenico Toscano, allenatore dei lupi, è stato sollevato dall’incarico di tecnico della squadra biancoverde, insieme a tutto il suo staff. Una notizia che per molti è tardata ad arrivare, e per quasi tutti si tratta di una liberazione.

Risultati poco più che discreti in casa, alternati ad un incredibile sfilza di prestazioni negative in trasferta, hanno lasciato l’Avellino a 16 punti in classifica dopo 16 giornate. Ma quello che più sorprende della squadra quest’anno è il carattere. Che praticamente non c’è e non è accettabile ad Avellino, dove il cuore è sempre stato lanciato oltre l’ostacolo.

Parlavamo di liberazione, e nessuno può negarsi questa soddisfazione dopo diverse settimane, quasi mesi, di critiche continue all’allenatore. Ma non va dimenticato un elemento importante: il contratto di Mimmo Toscano. Già al momento dell’annuncio della scelta del tecnico ex Ternana, non era mancata la sorpresa nel sapere di ben 3 anni di contratto per questo allenatore. Nel calcio in generale certi contratti sono molto rari per un allenatore. pensate in Serie B in una società che deve lottare per la salvezza con la speranza di ottenere qualcosa in più.

Eppure ad Avellino Toscano si lega per tre anni, forse per un’idea di progetto a medio-lungo termine da costruire dalle fondamenta, con l’allenatore perno del sistema. Ma viene un sorriso a pensare a questa ipotesi, considerando il modus operandi sul mercato della società di Walter Taccone, molto cauta nel comprare un giocatore, molto più affidabile nei prestiti di tanti giovani. Cosa abbia spinto quindi l’Avellino a puntare per tre anni su Toscano non lo sappiamo e presumibilmente non lo sapremo mai. Ora il tecnico saluterà, chissà se con qualche rimpianto, ma il suo contratto resterà sul groppone dei conti societari per altri due anni e mezzo circa. La più classica delle situazioni in cui si impara dalle esperienze. Almeno si spera.

Leggi anche:

Nuovo Allenatore Avellino Calcio, Novellino e Gregucci?