Totò Fresta in esclusiva per Avellino Calcio Mania: “Di nuovo coi vecchi amici”

Sempre sorridente e visibilmente emozionato Totò Fresta di nuovo ad Avellino. Ci piacerebbe fosse il titolo per un articolo di calciomercato, ma il bomber è in città per la presentazione del libro lupi per sempre. In esclusiva ci ha rilasciato un’intervista informale, raccontandoci qualcosa di simpatico e ribadendo ancora una volta l’affetto per la città e i suoi tifosi.

Finalmente di nuovo ad Avellino, quali sono le tue sensazioni? “Tornare qui è sempre come tornare a casa, Sandro è un amico – riferendosi al proprietario dell’Hotel de la Ville, dove ha sempre alloggiato – e mi vengono in mente tanti bei ricordi: la prima volta che sono venuto qui ero un semplice ragazzo di borgata. Mi resta impresso il ‘decalogo del buon calciatore’ che la Società mi fece trovare in camera, scritto in un Italiano così perfetto da risultarmi quasi incomprensibile” dice accompagnandosi con un sorriso. “Non dimenticherò mai le serate trascorse a giocare a carte fino a tardi, dove la posta in palio era il solito succo a menta…”. E il giorno dopo come la mettevi con gli allenamenti? Ce la facevi? “Si, mi allenavo alla grande e soprattutto, la domenica successiva, facevo anche gol”.

La gente qui ti ha sempre amato e non solo perché eri un gran calciatore, come te lo spieghi? “Forse perché sono sempre stato un ragazzo semplice, i tifosi mi hanno considerato uno di loro; mi piaceva stare in mezzo alle persone senza nessun distacco”.

Hai conservato qualche altra amicizia in particolare? “Di amicizie ne ho tante e con alcuni mi sento ancora di frequente. L’affetto che sapete dare voi è particolare. Non dimenticherò mai un ragazzino di 15 anni che mi seguiva sempre agli allenamenti, mi aspettava timidamente per salutarmi e dopo poco tempo diventò mio compagno d’aperitivo ogni pomeriggio. Con lui è nata davvero una bella amicizia. Quel ragazzino è cresciuto ed ora è il mio dentista di fiducia!”.

Una battuta sul calcio giocato. Sai che in questi giorni di mercato si sta cercando un attaccante: se i tifosi proponessero Fresta, te la sentiresti? “Ho sempre continuato a giocare a calcio e credo che ad oggi, per l’ultimo quarto d’ora, potrei farvi divertire… magari con un po’ di allenamento durerei anche un tempo!”.

Ovviamente uno come te non poteva mancare nelle pagine del libro Lupi per sempre, che ne pensi di questa iniziativa? “Inutile dire che mi fa piacere essere menzionato nel libro. Sono sempre stato fiero di aver indossato la maglia biancoverde e mi inorgoglisce il fatto di essere considerato una bandiera. Una gran bella idea questa raccolta, ai tifosi piacerà!”.