Trapani-Avellino, a braccetto dai dilettanti alla Serie B

Trapani ed Avellino sono due realtà calcistiche dai destini paralleli che si incontreranno sabato per la prima volta in Serie B. Partendo dai dilettanti, sono arrivate a braccetto in cadetteria. Negli ultimi anni le due compagini si sono affrontate diverse volte, ed hanno sempre regalato emozioni. Tra le due tifoserie è nata una forte amicizia, che ha regalato bei momenti di tifo sia in Campania che in Sicilia. La partita tra i granata e i biancoverdi sarà sicuramente una festa sugli spalti.

Trapani ed Avellino si sono affrontate per la prima volta dopo molti anni nel 2009/2010, durante la permanenza dei lupi in Serie D. Inserite nel girone I, il Trapani si impose sia all’andata che al ritorno. Al “Partenio” i granata vinsero 2-0 grazie alle reti di Coco e Di Peri. Al “Provinciale” superarono l’Avellino per 4-2, con una tripletta di Lupo e un gol di Daì. Nei biancoverdi andò a segno Tarquini. La squadra irpina si prese la sua vendetta nelle semifinali playoff: i lupi sbancarono il “Provinciale” per 2-1 dopo i tempi supplementari grazie ai gol di Gianluca De Angelis e Rosario Majella. Entrambe le squadre a fine stagione furono ripescate ed ottennero l’accesso alla Seconda Divisione 2010/2011.

Gianluca De Angelis

In quella stagione siciliani e campani si affrontarono per la quarta volta in un solo anno, il 2010, e la gara finì col risultato di 0-0. Al ritorno l’Avellino di Salvatore Vullo asfaltò il Trapani per 4-0. Timbrarono il cartellino Vicentin, D’Angelo, Comini e Millesi. A fine stagione i granata si classificarono al secondo posto in campionato dietro il Latina, mentre i lupi si piazzarono al quarto posto. Entrambe ottennero l’accesso ai playoff e si incontrarono nuovamente nella finale decisiva per la promozione in Prima Divisione. All’andata al “Partenio”, nella partita con più spettatori del campionato (ben 7000), l’Avellino vinse 2-1 con i gol di Millesi ed Acoglanis. Tuttavia al ritorno il Trapani sfruttò al massimo il fattore campo e ribaltò il risultato vincendo 3-1 dopo i tempi supplementari. Il gol decisivo fu realizzato da Giuseppe Pirrone, che ancora oggi fa parte della rosa trapanese. L’Avellino fu comunque ripescato ed ottenne la promozione in un secondo momento.

millesi

In Prima Divisione Trapani ed Avellino hanno vissuto due stagioni separate, in due gironi diversi, ma si sono ritrovate nel 2012/2013 nella sfida di Supercoppa di Lega Pro. Le due squadre avevano infatti vinto i propri gironi e guadagnatosi l’accesso alla Serie B. Nella doppia sfida di Supercoppa si impose l’Avellino per la regola dei gol in trasferta, pareggiando 1-1 in casa e 2-2 fuori. Il trofeo è stato messo in bacheca dai lupi, ma in quella sfida poco contava. Tra i tifosi era festa perchè le due compagini dopo anni di delusioni stavano tornando nel calcio che conta, insieme. Durante la sfida di sabato sugli spalti si vedrà un’amicizia tra ultras che è una delle poche cose da salvare in questo calcio moderno.

TUTTO SU TRAPANI-AVELLINO

Leggi anche –> Trapani-Avellino, l’arbitro sarà Diego Roca di Foggia