Vanoli-Sidigas, Avellino cerca la prima vittoria della storia a Cremona

I lupi devono tornare assolutamente alla vittoria

Sono state troppe due sconfitte di fila tra LBA e Champions League, per la Sidigas Scandone Avellino, la quale deve e vuole assolutamente tornare alla vittoria.

La Sidigas Scandone Avellino, dopo la sconfitta mautata in LBA contro Cantù ed in Champions League contro Strasburgo, deve e vuole assolutamente vincere, ma farlo contro la Vanoli Basket Cremona non sarà per nulla facile, anzi.

I motivi che rendono complicata questa sfida sono principalmente tre; il primo motivo è che a causa del pessimo campionato fino ad ora disputato, il club lombardo ha deciso di separarsi da coach Cesare Pancotto e di affidare il roster a coach Paolo Lepore (il quale è legato con Avellino, essendo nipote di Giggetto Valentino indimenticato cestista della Scandone, morto un anno fa), il cambio in panchina, potrebbe far disputare ai padroni di casa una prova piena di grinta e di orgoglio.

Il secondo motivo è che dopo le ultime due sconfitte i cestisti della Sidigas sono moralmente giù e questo potrebbe incidere negativamente sulle loro prestazioni. Il terzo ed ultimo motivo è che il PalaRadi è per la Scandone un campo stregato, dato che fino ad ora non è mai riuscita a violarlo.

Da un punto di vista tecnico Avellino è nettamente più forte di Cremone, per cui se gli uomini  di Pino Sacripanti saranno concentrati e sereni per tutti i 40 minuti di gioco, siamo convinti che riusciranno a conquistare questa vittoria e con essa a tornare a sorridere.