Associazione Biancoverdi Insuperabili: Novellino si scusi per sue dichiarazioni

Questa è la richiesta fatta dal presidente dopo le espressioni usate da Novellino

Flavio Puleo, presidente dell’Associazione Biancoverdi Insuperabili, ha postato sul suo profilo Facebook un post di indignazione per le parole utilizzato dal tecnico Walter Novellino alla conferenza stampa della vigilia del match Pro Vercelli-Avellino.

Questo è il contenuto del posti in merito alla parola utilizzata dal tecnico di Montemarano, definendola offensiva e spiacevole: “Vergogna. Non ci posso credere. È successo veramente! Sono sconvolto e offeso per quanto accaduto questa mattina al Partenio in conferenza stampa. Pensavo di aver capito male ho quindi sentito e risentito la registrazione di mister Novellino non una, non due ma sette volte per accertare bene se il mister avesse usato un termine inaccettabile durante l’intervista. Alla fine è successo veramente. È stato usato dal mister in modo scandaloso e fuori luogo ripetutamente il termine sordomuti utilizzandolo come se niente fosse e per dire a modo suo non si sa che cosa. I sordomuti, se il mister non lo sa, sono persone con problemi seri e che ogni giorno affrontano difficoltà ed ostacoli che non potete immaginare.

In qualità di presidente del gruppo, dove militano anche persona sordomute; in qualità di genitore di una ragazza diversamente abile, in qualità di persona normale alla quale da fastidio quando si usano termini del genere per fare semplici paragoni, mi offendo e mi arrabbio terribilmente! Combatto ogni giorno, come tante altre persone per la tutela dei diritti delle persone disabili e sentire dalla voce del mister, che rispetto tanto, della mia squadra usare con leggerezza il termine sordomuto mi ha fatto ancora più male e irritare ancor di più.

Lui conosce la nostra realtà, ma forse dimentica che tutti noi, compresi i sordomuti, siamo sempre presenti con tutte le nostre difficoltà a tifare per la squadra. Posso capire il momento delicato, posso capire il nervosismo, posso capire la tensione con la tifoseria ma non posso accettare che venga usata come paragone una persona con disabilità qualunque essa sia in questo modo. Sono anche rammaricato perché nessuno dei presenti in sala abbia fermato e fatto notare al mister la gaffe ripetuta più volte.

C’è ormai un indifferenza e menefreghismo totale nel usare i disabili come paragoni durante i discorsi come se fosse una cosa normale. Mi dispiace farlo, ci ho pensato, ma non ho scelta e con tutto il rispetto per Walter Novellino chiedo ufficialmente che la società nella persona del presidente intervenga in modo incisivo per riparare e che insieme al mister facciano una conferenza stampa riparatrice nella quale in nostra presenza si facciano le dovute scuse. Perché bisogna capire che ci sono limiti oltre i quali non bisogna andare. So quanto la società tiene per noi Insuperabili ed è proprio per questo che ritengo che la società deve intervenire.

Sulle maglia dei giocatori c’è la scritta respect quindi per questo chiedo ad alta voce che questo venga fatto e che ci sia più rispetto nei confronti dei disabili in questo caso i sordomuti. Lottiamo ogni giorno per questo oltre ogni barriera! Sperando che rimanga un episodio circoscritto e che non accada più attendo un immediato riscontro in merito da parte della società. Per il resto sempre forza lupi!“.

Pubblicato da Alfonso Parisi

Nato nel giugno del 1990 a Bisaccia residente a Mercogliano, sin da bambino grande tifoso dell'Avellino e appassionato di calcio.

Pro Vercelli-Avellino, Grassadonia: “Affronteremo un avversario molto aggressivo”

Pro Vercelli-Avellino, i convocati di Grassadonia