Classifica Serie B, la situazione dell’Avellino negli scontri diretti

Lupi in vantaggio con Ascoli, Pro Vercelli, Brescia e Novara

La classifica di B dopo la 40esima giornata

La 40esima giornata di Serie B deve ancora terminare, a causa dei posticipi Cesena-Parma ed Empoli-Cremonese, ma al termine della stagione manca ormai davvero poco. Altre due partite e i destini di molte squadre, tra cui ovviamente l’Avellino, saranno svelati. Inevitabile dunque, fare qualche calcolo per la salvezza.

La squadra biancoverde, con il pareggio ad Ascoli, ha compiuto un piccolo verso la salvezza, ma la situazione è ancora molto intricata e non sono da escludere arrivi a pari punti. Ecco quindi un riepilogo della situazione scontri diretti per l’Avellino nelle sfide contro le dirette concorrenti per la salvezza.

Partiamo con le squadre più vicine in classifica: Ascoli ed Entella. Con i marchigiani l’Avellino ha totalizzato due pareggi per 1-1. Essendo pari quindi, sia i punti, che la differenza reti nello scontro diretto, farebbe fede la differenza reti generale, che recita -13 per l’Avellino e -21 per l’Ascoli: lupi quindi avanti. Anche con l’Entella deciderà la differenza reti generale, essendo pari lo scontro diretto (due pareggi), ma la situazione è ancora incerta, poiché per entrambe recita -13.

L’Avellino si trova invece in vantaggio con la Pro Vercelli, che però è ormai retrocessa; con il Brescia, che però è avanti ai lupi di cinque punti e quindi difficilmente si finirà pari, e con il Novara, contro cui sono arrivate due vittorie. I piemontesi sono avanti all’Avellino di una sola lunghezza e affronteranno nelle ultime due IL Perugia in trasferta e l’Entella in casa.

Ancora da capire con la situazione con la Ternana, che l’Avellino ha battuto all’andata e affronterà all’ultima giornata. Molto probabile però, che all’ultima gli umbri siano già retrocessi, essendo ultimi a 37. Sarà decisivo lo scontro con la Pro Vercelli alla prossima giornata, che condannerà matematicamente almeno una delle due, se non entrambe a causa di eventuali risultati sfavorevoli dagli altri campi.

E’ invece da evitare un arrivo a pari punti con il Cesena (una sconfitta e un pareggio), con la Cremonese (una sconfitta e un pareggio) e con il Pescara (una sconfitta e un pareggio). Gli abruzzesi sono quasi salvi, trovandosi a quota 47, mentre per le altre due, che si trovano rispettivamente a quota 43 e 44, saranno fondamentali le gare di domani con Parma ed Empoli (lunedì sera quest’ultima).

C’è però un aspetto che potrebbe favorire l’Avellino: Cesena-Cremonese è in programma all’ultima giornata, e quindi almeno una delle due perderà punti. Tenendo conto che ci saranno altri due scontri diretti, Novara-Virtus Entella, sempre all’ultima giornata, e Pescara-Ascoli alla prossima, l’Avellino con due vittorie quasi sicuramente sarebbe salvo, poiché almeno qualcuna di queste squadre non potrà fare bottino pieno.

Ecco il riepilogo degli scontri diretti

Ascoli: vantaggio

Brescia: vantaggio

Cesena: svantaggio

Cremonese: svantaggio

Entella: incerta

Novara: vantaggio

Pescara: svantaggio

Pro Vercelli: vantaggio

Ternana: da decidere

Primavera 2, Avellino-Foggia 0-3 (Girone B)

Segafredo Bologna-Sidigas Avellino: Scandone col dubbio Leunen