Avellino-Ascoli, Novellino: “Stiamo tornando quelli di una volta”

“Stiamo tornando quelli di una volta”. Così un fiducioso Novellino nella conferenza stampa di vigilia di Avellino-Ascoli, anticipata ad oggi, a causa del processo Money Gate che inizierà domani mattina a Roma. Ecco le parole più importanti del tecnico davanti ai microfoni.

“Stiamo tornando quelli di una volta, la squadra a Cittadella ha combattuto, ma dobbiamo rimanere piantati per terra, perché il primo tempo non mi è piaciuto, poi nel secondo tempo abbiamo avuto una iniezione di fiducia. Si fa in fretta a dire che questa squadra non ha le palle, ma non è così. Abbiamo avuto delle difficoltà ma ci riprenderemo alla grande, non è necessario farsi buttare fuori per essere cattivi”.

Sulla partita di domani: “Al di la dell’avversario noi dobbiamo preoccuparci noi stessi. Per forza di cose ho dovuto cambiare modulo, ma al di là dei moduli servirà l’atteggiamento giusto”. Sarà un Avellino d’assalto? “Sarà un Avellino intelligente come piace a me”.

Sul processo Money Gate che partirà domani: “Noi dobbiamo pensare solamente al campo e all’Ascoli, a questa battaglia pensare la società. Oggi è venuto il presidente a incoraggiarci per la partita, questa è la cosa più importante”. Sulla formazione: “Molina e Bidauoi possono giocare insieme, sono giocatori che hanno espresso molto di più dalla metà in campo in su. Non meritiamo questa classifica, ma di più dei punti che abbiamo.

Si sofferma su Cosmi: “Siamo amici, ci conosciamo, lui è una persona molto intelligente e pratica”. Infine, sulla pace con i tifosi a Cittadella: “La cosa più importante è che la curva ha chiamato i ragazzi. Il tunnel è alla fine, stiamo vedendo la luce”. 

Avellino-Ascoli, l’arbitro è Chiffi di Padova

Serie B, Foggia-Venezia apre la 19esima giornata