Avellino-Benevento, Sindaco di Amatrice: “Grazie per le belle ore vissute”

Grazie a Voi, mi avete regalato delle belle ore” saluta il Sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, che oggi, come anticipato, è stato ospite in Tribuna Montevergine, in occasione del derby contro il Benevento.

Intervistato da sky ed ospite anche ad extra time, il primo cittadino si è dimostrato molto disponibile ed amicale: “Sono da sempre legato all’Avellino calcio, simbolo di una terra che ha subito un dramma e che nonostante tutto è riuscita a rialzarsi. Il suo calcio, era un calcio dei poveri, paragonabile alla sfida tra Davide e Golia”. Passione, quella di Pirozzi, rinverdita nel 2007 in occasione della finale play off vinta contro il Foggia.

La devo questa presenza ad Avellino perché siete stati i primi a venire nel mio Comune e mi avete insegnato che quando e se ci sarà bisogno, dovrò fare anche io lo stesso!”. Questo è quello che rappresenta la nostra Irpinia per chi ora, ha vissuto sulla propria pelle la tragedia del terremoto.“La sfida per Amatrice, così come nel calcio, è vincere, risollevarsi dopo esser caduti, e questo si può fare ragionando come una squadra, dove vince il Noi anziché l’Io. L’individualismo non ha mai vinto e la mia comunità deve ragionare in tal senso, con semplicità e spirito di gruppo”.

Paragone che calza a pennello tra vita e sport, quello fatto dal sindaco reatino, che abbraccia anche la popolazione ascolana, accomunata ad Avellino da un simile destino: due squadre che hanno vissuto i fasti della serie A, due città provate dalla tragicità di un terremoto. Conclude: “Grazie a questa terra e grazie al suo spirito sono riuscito a staccare anche solo per un’ora e mezza…”

Derby Avellino-Benevento: solidarietà per Amatrice

Pubblicato da Laura Fortunato

Cavese trapiantata ad Avellino per amore di un super tifoso bianco verde. Laureata in Comunicazione con un Master in Business Administration. Accanita lavoratrice ora mamma di due lupacchiotti!

Avellino-Benevento 1-1, le pagelle: Verde ispirato, Frattali salva finchè può

Fernando De Napoli, l’esordio in serie A con l’Avellino