Avellino Calcio, lotta salvezza sempre più difficile

Le vittorie di Pescara e Ternana nei posticipi complicano la vita ai biancoverdi

Sempre più complicata la lotta salvezza per l’Avellino, quando mancano ormai solo cinque giornate alla fine del campionato. Nell’ultimo turno, a parte la sconfitta dei biancoverdi a Palermo (che sulla carta era preventivabile) hanno destato sorpresa le vittorie dell’Ascoli a Cremona e sopratutto quella incredibile della Ternana nel derby contro il Perugia. Vittoriose anche l’Entella contro la Pro Vercelli, e il Pescara contro lo Spezia.

Ben quattro delle squadre invischiate nella lotta salvezza hanno quindi vinto, rendendo questo mini-campionato sempre più incerto, e purtroppo per l’Avellino sempre più pericoloso. La squadra biancoverde sarebbe ancora salva, ma solo per classifica avulsa migliore rispetto a Virtus Entella e Novara negli scontri diretti (tutte e tre le squadre sono a quota 40). Dietro troviamo Cesena e Ascoli a 39, quindi Ternana 37 e quindi Pro Vercelli ultima a 34.

L’aspetto più preoccupante è che le altre squadre, in particolare la Ternana, sembrano essere molto più in forma dell’Avellino, che continua a commettere i soliti errori difensivi, nonostante prestazioni leggermente migliori rispetto alle ultime con Novellino. Non stanno aiutando di certo i tanti infortuni che hanno falcidiato la rosa: in particolare l’assenza di Bidaoui si sta facendo sentire molto, con l’Avellino che ha segnato un solo gol nelle ultime tre partite.

Al di là delle assenze che continueranno a esserci, a Carpi l’Avellino dovrà fare assolutamente conquistare punti. La squadra emiliana, con la sconfitta del’ultimo turno a Parma, è ormai fuori dalla lotta paly-off e dunque le motivazioni dei lupi dovranno avere la meglio.

Delle tre trasferte che l’Avellino dovrà ancora affrontare, sicuramente quella del “Cabassi” è la meno calda (a meno che la Ternana all’ultima giornata sia già retrocessa), e dunque va conquistata l’intera posta in palio, per non affrontare con l’acqua alla gola le ultime quattro gare di un campionato in cui i biancoverdi avrebbero dovuto recitare tutt’altro ruolo.

Pubblicato da Pietro Freda

Nato negli anni mitici della Serie A..sono da sempre grande tifoso dei lupi, che seguo dal 1995, anno del mio esordio al Partenio in un Avellino-Verona 0-1. Concilio questa passione con la scrittura sul web.

Capo d’Orlando-Avellino 73-77, Sacripanti: “Vinto una gara tostissima”

Betaland Capo d’Orlando-Sidigas Avellino 73-77, pagelle: D’Ercole fa piangere l’Orlandina