Avellino, Gubitosa a Mixed Zone: “Deciderò a giugno il mio futuro”

“Deciderò a giugno il mio futuro“. Così Michele Gubitosa, presidente onorario dell’Avellino, a Mixed Zone, canale tematico di Irpinia News. Il dirigente biancoverde ha parlato però anche del momento della squadra, con il pareggio a Frosinone, e del gol di Castaldo, che si sta avvicinando a Biancolino come migliore marcatore della storia dell’Avellino in campionato.

Si parte dal pareggio di martedì:Il punto di ieri sa di vittoria. I ragazzi hanno conquistato un buon risultato su un campo difficile, anzi alla fine nonostante la loro occasione potevamo gestire bene qualche contropiede”

Sulla classifica, che vede l’Avellino a più sei sulla zona rossa: “Per ora ci godiamo a nove gare dalla fine una classifica tranquilla. Vorrei strappare la salvezza come nella passata stagione in quel di Lanciano a tre giornate dalla fine”. Sul periodo di appannamento vissuto a Marzo: “Un momento di flessione ci sta nel calcio, adesso ci stiamo riprendendo quel terreno perso”.

Su Castaldo: “Avevo un presentimento quando l’ho visto in campo, sono contento per lui. Anche se ha 35 anni, gli allenatori quando vedono Gigi in campo cambiano tipo di marcatura”. Aggiunte: “Ama l’Avellino, meglio per noi”. Su Novellino, vero protagonista della rimonta dell’Avellino: “Anche quando ha tolto Moretti che per me è un calciatore di serie A ha avuto ragione”.

Infine, sulla sua permanenza o meno nella società: “Non siamo costretti a fare calcio, comporta tanti problemi, tanti stress. Il mio obiettivo è quello di arrivare a giugno salvi, poi vedremo il da farsi. Ci sono tensioni e ansie da gestire. Posso tranquillamente dire che fino a giugno sarò dell’Avellino, poi mi riunirò con la mia famiglia per decidere del mio destino”. 

Pubblicato da Pietro Freda

Nato negli anni mitici della Serie A..sono da sempre grande tifoso dei lupi, che seguo dal 1995, anno del mio esordio al Partenio in un Avellino-Verona 0-1. Concilio questa passione con la scrittura sul web.

Pronostici Serie B 35esima Giornata: scontri diretti nella zona bassa

Quadrelle, il paese del patriota Andrea Mattis